AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE sardegna

Una rosa di siti in autunno per il nuovo deposito nazionale delle scorie nucleari

scorie nucleari“Non è stata scelta ancora alcuna area per il deposito delle scorie nucleari. La procedura per definire il luogo che dovrà ospitarlo segue fin dal suo avvio un iter trasparente e aperto al massimo coinvolgimento di cittadini e istituzioni locali”. Lo scrivono in una nota congiunta il ministero dello Sviluppo economico e quello dell’Ambiente. Proprio mentre arriva la notizia dell’arrivo a Cagliari martedì prossimo del ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti, che parteciperà al mattino al convegno “Tutela dell’Ambiente e sviluppo sostenibile”, organizzato dall’Associazione ex parlamentari della Sardegna alla Fondazione Banco di Sardegna.

“In questo momento- spiegano i ministeri- sono in corso le valutazioni tecniche dei ministeri competenti, Ambiente e Sviluppo, sulla Carta nazionale (Cnapi) redatta da Sogin che individua le aree potenzialmente idonee, nell’ordine di alcune decine dislocate in varie regioni italiane, seguendo i criteri dettati dalle linee guida dell’Ispra, che agisce quale Autorità per la sicurezza nucleare nazionale. Il testo verrà trasmesso nuovamente a Sogin, che lo renderà pubblico nel tempo necessario ad adeguarlo alle prescrizioni dei dicasteri”.

Quindi, “seguirà una fase di consultazione pubblica della durata di quattro mesi, cui prenderanno parte le regioni e gli enti locali interessati, i rappresentanti dei cittadini e la comunità scientifica”. E’, poi, “previsto per settembre-ottobre di quest’anno il Seminario nazionale indetto da Sogin e la conseguente redazione della Carta delle aree idonee (Cnai), in cui è individuata una rosa ristretta di realtà locali tra quelle che, rispondendo ai criteri tecnici previsti, avranno proposto la loro candidatura”.

Il testo “verrà trasmesso entro i successivi novanta giorni al ministero dello Sviluppo per l’approvazione finale dell’area di destinazione dei rifiuti nucleari, che avverrà di concerto con il ministero dell’Ambiente e acquisito il parere dell’Ispra. Solo nel caso in cui non si dovesse registrare il necessario consenso su un luogo verrà istituito un comitato interministeriale che, nel rispetto delle osservazioni tecniche e del confronto con le realtà territoriali, sarà chiamato a individuare la zona idonea”, prosegue la nota congiunta del ministero dello Sviluppo economico e dell’Ambiente.

Quindi, “non può esistere allo stato attuale alcuna decisione presa in merito al comune in cui sorgerà il deposito nazionale di scorie nucleari: c’è piuttosto un percorso con tempi e responsabilità certe che ha come presupposto irrinunciabile la piena partecipazione delle comunità locali nell’individuazione del sito”.

03 aprile 2015

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram