Venezuela, Di Battista: “Non riconosceremo mai un presidente autoproclamato”

"Non possiamo permettere che il Venezuela diventi la nuova Libia"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Non possiamo permettere che il Venezuela diventi la nuova Libia. Non è questione Maduro sì o Maduro no. IL punto oggi per quanto mi riguarda è spingere l’Italia affinché sposi la linea Messico-Uruguay, una linea rivolta ad un tentativo di dialogo tra governo e opposizione per trovare una strada migliore per il Venezuela”. Lo ha affermato Alessandro Di Battista ieri sera a margine del comizio elettorale a sostegno di Sara Marcozzi alla Regione Abruzzo svoltosi a Chieti cui ha preso parte anche il vicepremier Luigi Di Maio.

LEGGI ANCHE: Venezuela, Fico: “Maduro-Guaidò? Serve una terza via”

“Se pensiamo di dare un ultimatum, sanzioni, congelamento dei beni venezuelani e chissà cos’altro significa già fare strada ad un intervento armato tale e quale a quello che è successo in Libia. Se oggi subiamo i flussi migratori – ha aggiunto – è perché nel 2011 il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano spinse il Governo Berlusconi che si è piegato in maniera pavida, a dare il via a bombardamenti Nato soprattutto francesi, inglesi e americani che hanno destabilizzato la Libia e hanno fatto cadere Gheddafi. E che è successo? La Libia è un inferno”.

“La nostra Costituzione- ha concluso – tutela la pace all’articolo 11 per cui il nostro governo deve favorire il dialogo. Questo governo, quello dei 5 stelle, non riconoscerà mai un presidente autoproclamatosi”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

3 Febbraio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»