Sanità, il ministro Grillo: “Basta formiche al San Giovanni Bosco, sarò presto a Napoli”

I Verdi segnalano l'ennesimo caso di formiche all'ospedale San Giovanni Bosco di Napoli, dove ieri sera sono intervenuti i Carabinieri del Nas. Scandalizzato il ministro Giulia Grillo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “Sarò presto a Napoli a verificare di persona una situazione diventata ormai insostenibile. Il problema non sono le formiche in sé, ma la trascuratezza che può portare a contaminazioni ben più gravi, laddove l’igiene dovrebbe essere la regola di base”. Così il ministro della Salute, Giulia Grillo, dopo la denuncia di un nuovo caso formiche all’ospedale San Giovanni Bosco di Napoli. Si tratta, secondo la denuncia dei Verdi, del secondo ritrovamento di formiche su un paziente ricoverato nello stesso nosocomio.

“È incredibile che per la terza volta siano segnalate formiche nei locali – commenta il ministro – e, cosa intollerabile, sui pazienti dell’ospedale San Giovanni Bosco di Napoli. La persistenza del problema mi lascia sbalordita e senza parole. Chi sta sbagliando pagherà. I cittadini devono avere la certezza di essere tutelati nella maniera più opportuna in ogni ambiente del nostro Servizio sanitario nazionale. E, per essere chiara, è troppo facile scaricare sul personale la responsabilità di queste negligenze, un caso potrebbe essere una disattenzione, ma ora che sono tre, penso che il management debba fornire risposte chiare”.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Napoli, è morta la donna ricoperta da formiche durante il ricovero in ospedale

LA DENUNCIA DEI VERDI

Una nuova invasione di formiche ha colpito questa volta i locali della rianimazione dell’ospedale San Giovanni Bosco di Napoli”. A denunciare un nuovo caso di formiche su un paziente in Campania è il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, spiegando all’agenzia Dire che questa mattina “i carabinieri del Nas hanno effettuato un sopralluogo all’interno dell’ospedale dopo aver ricevuto la denuncia dei parenti di un uomo ricoverato nel reparto di rianimazione del San Giovanni Bosco e ritrovato nella notte con delle formiche sul corpo. A quanto ci hanno riferito erano presenti, al momento del fatto, tre medici e cinque infermieri”.

Il consigliere ha postato sui social anche un video nel quale si vedono alcune formiche all’interno di un lavandino del nosocomio. Quelle immagini sono state condivise su Facebook anche dal ministro della Salute, Giulia Grillo.

“Dopo la morte della paziente dello Sri Lanka – commenta – abbiamo effettuato un sopralluogo all’ospedale riscontrando la presenza significativa di formiche nello stesso bagno della stanza dove fu ritrovata la donna successivamente deceduta”. Per Borrelli, la responsabilità “è dei vertici dell’ospedale non più difendibili – afferma -. Non si può giustificare oltre, è il momento di agire con la massima determinazione. Ho chiesto per questo al direttore Forlenza di valutare interventi drastici e immediati”.

LEGGI ANCHE: Formiche in ospedale a Napoli, De Luca: “Non esistono, esposto in Procura”

L’esponente del partito del Sole che Ride chiede “massima celerità” nel bonificare il San Giovanni Bosco. “Quest’ospedale – denuncia -, a quaranta anni dall’apertura, non è mai stato interessato da un intervento di manutenzione straordinaria da quando è stato costruito. Bisogna anche procedere con nuove gare d’appalto per il servizio di pulizia. Chi se ne occupa attualmente non garantisce l’igiene dei locali e agisce, tra l’altro, in un regime di proroga ultradecennale, in spregio della normativa sugli appalti”.

Al questore chiede invece di “intervenire contro i fenomeni di illegalità che si verificano all’esterno dell’ospedale tra cui la presenza di parcheggiatori abusivi legati alla criminalità organizzata con un presidio fisso di polizia”.

LEGGI ANCHE: Napoli, donna intubata ricoperta da formiche in ospedale

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

3 Gennaio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»