Le colpe mediche? In Emilia-Romagna nel 2018 sono costate 2,3 milioni

Le spese legali per i medici accusati di errori sul lavoro vengono pagate attingendo ad un fondo istituito ad hoc
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Nel 2018 l’Emilia-Romagna ha speso 2,3 milioni di euro per rimborsare alle Aziende sanitarie le spese legali per responsabilità civile dovuti a casi di colpe mediche. Cinque anni fa la Regione ha rivoluzionato il suo sistema di copertura per i sinistri in sanità, adottando una sorta di assicurazione interna divisa in due fasce: nella prima, ovvero per importi fino a 250.000 euro, le Aziende sanitarie provvedono direttamente con risorse proprie; nella seconda fascia, cioè oltre i 250.000 euro, la Regione e le Aziende collaborano nella gestione dei sinistri e i risarcimenti vengono liquidati attingendo al fondo regionale istituito ad hoc.

Nel corso del 2018, dunque, alla Regione sono arrivate richieste di rimborso da parte di diverse Aziende sanitarie: Ausl di Piacenza per 109.612 euro; Ausl di Parma per 12.480 euro; Ausl di Reggio Emilia per 153.000 euro; Ausl di Modena per 390.000 euro; Policlinico Sant’Orsola di Bologna per 330.641 euro; Ausl di Bologna per 105.863 euro; Ausl di Imola per 228.916 euro; Ausl Romagna per 987.370 euro. In totale si parla appunto di 2,3 milioni di euro, spesa a cui la Giunta Bonaccini ha dato il via libera nella seduta del 27 dicembre scorso.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

3 Gennaio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»