Premio Formiche d’Oro per il coraggio di essere diversi

Riunito tutto il mondo del volontariato e del terzo settore per un premio che parla di laboriosita’, tenacia, umilta’, aiuto reciproco.

Condividi l’articolo:

ROMA -Il premio Formiche d’oro 2018, svoltosi nella prestigiosa sede del Palazzo Merulana, a Roma, ha visto riunito tutto il mondo del volontariato e del terzo settore, con cittadini e associazioni chiamati a raccolta dal Forum del Terzo Settore del Lazio per un premio che parla di laboriosita’, tenacia, umilta’, aiuto reciproco, che, non a caso, vede nella formica la sua migliore rappresentazione. A dare il benvenuto alla sala gremita Flavio Bucci con ‘I have a dream’ di Martin Luther King.

“Il terzo settore sa progettare e lavorare insieme. Abbiamo scelto i premiati guardando a tutto il territorio della nostra Regione” ha dichiarato Francesca Danese, portavoce del Terzo settore per il Lazio, dando il via al programma della serata e spiegando che avrebbe voluto premiare tutti i partecipanti.
Tra i premiati l’Istituto Emilio Sereni, per un progetto che ha coinvolto i detenuti di Rebibbia per la produzione di birra. “Onorata di questo premio. Nell’immaginario collettivo siamo la scuola dei contadini e invece no. I nostri ragazzi crescono culturalmente e umanamente”, ha dichiarato un’emozionata vicepreside.
Premio Formiche d’oro anche all’agenzia Dire, nella sezione informazione e comunicazione, per il nuovo notiziario Diredonne. Un progetto editoriale che ha l’ambizione di superare antagonismi del passato e di dare alle donne la parola su ogni ambito. Non piu’la sola replica al pensiero dominante, ma la differenza che finalmente diventa protagonista. Un altro modo di pensare e di agire.

Leggi anche:

2 Dicembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»