Municipio I, ecco Tommy: dispositivo a difesa dei parcheggi per disabili

tommy3ROMA – Si chiama Tommy e difende i parcheggi riservati ai disabili assegnati con concessione. Ad adottarlo e’ il I Municipio di Roma, che oggi ha presentato e installato il nuovo dispositivo in via Cola di Rienzo. Tommy, una piastra quadrata di 30 centimetri, viene posizionato a terra nello spazio sosta riservato e, tramite un sensore, attiva un segnale sonoro in presenza di veicoli non autorizzati. L’allarme si interrompe soltanto quando il posto viene liberato o quando Tommy viene disattivato con il telecomando dato in dotazione al titolare di quella concessione. Il progetto, voluto dal I Municipio in collaborazione con Aci Roma, Aci Consult e Agenzia per la mobilita’, si schiera con i diritti delle persone con disabilità che spesso si vedono occupato abusivamente il loro posto auto.

Il I Municipio è per l’inclusività– ha detto la minisindaco Sabrina Alfonsi- Spesso si fanno sperimentazioni che rimangono tali. Invece noi abbiamo sperimentato questo dispositivo un mese e mezzo fa e oggi passiamo alla normalità, che vuol dire creare una città veramente sostenibile e accessibile a tutti. Dunque, siamo pronti a installare Tommy in tutti i posteggi in concessione che ci sono in Municipio. E oggi mettiamo il primo”.

E se l’automobilista di turno con poco senso civico non libera il posto, Tommy fa scattare un sms al titolare del parcheggio e anche ai Vigili urbani. “Credo che l’uso delle nuove tecnologie che aiuta ad alleggerire le disabilità sia sicuramente uno degli usi migliori”, ha aggiunto Alfonsi, spiegando che il I Municipio “ha fatto delle piccole economie” e ha stanziato per il progetto 60mila euro, calcolando 300 euro a installazione. “Ma se tutti i titolari faranno richiesta- ha tenuto a dire- adopereremo tutti i fondi necessari per installarli nei circa 250 posteggi concessi nel territorio”.

A presentare Tommy al Mercato centrale di via Cola di Rienzo, un luogo scelto “perché è di uso comune, proprio come questo dispositivo”, insieme ad Alfonsi anche gran parte della Giunta del I Municipio, a testimoniare “il nostro approccio culturale”, ha detto l’assessore alle Politiche sociali, Emiliano Monteverde. “Questo progetto- ha aggiunto- è importante anche simbolicamente, perché è ora di dare stigma a chi pensa che sia una cosa piccola parcheggiare in un posto riservato a un disabile. Con Tommy, l’uso della tecnologia viene promosso per migliorare la qualità della vita delle persone, e per la prima volta in Italia, un servizio di questo genere viene offerto da una pubblica amministrazione”.

Del resto, “il I Municipio è stato il primo a sperimentare Tommy già nel 2014– ha aggiunto la titolare del Bilancio, Anna Vincenzoni- abbiamo creduto fortemente a questo progetto perchè è un passaggio importante di una visione che si chiama liberi di muoversi. Tommy- ha detto ancora- deve andare di pari passo ai controlli non solo per i posti dei disabili, ma di tutti gli altri elementi, come le doppie file, che interferiscono con la libertà degli altri. Poi- ha concluso Vincenzoni- bisogna procedere a una armonizzazione del Registro nazionale dei contrassegni, anche con il confronto con le associazioni”.

Il progetto prevede che il servizio sia messo a disposizione di chi lo richiede per due anni. Tommy è alimentato da batterie che durano un anno ed è stato ingegnerizzato da Aci Consult. “Aci è costantemente impegnato nella tutela della mobilità e della sicurezza- ha detto Giuseppina Fusco, presidente dell’Automobile club Roma- E l’attenzione verso la mobilità delle fasce più deboli è al centro del nostro lavoro. Tra l’altro- ha aggiunto- anche altri Municipi stanno chiedendo di usare questo dispositivo”. E stamattina, ha fatto sapere Luca Avarello dell’Agenzia per la mobilità, “già 60 persone hanno confermato l’interesse ad avere Tommy“.

2 Dicembre 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»