Clima, Oxfam: “I ricchi inquinano molto più dei poveri”

ROMA   – Il 10% degli abitanti piu’ ricchi del pianeta emette oltre la meta’ di emissioni di CO2, mentre la meta’ piu’ povera e’ responsabile di appena il 10% dei gas serra: dati eloquenti, diffusi dall’organizzazione non governativa internazionale Oxfam che si auspica servano da pungolo agli oltre 150 capi di Stato e di governo riuniti a Bourget, Parigi, per la Cop 21- la XXI Conferenza delle parti della Convenzione quadro delle Nazioni Unite (Unfccc) sui cambiamenti climatici.

clima

“Gli individui ricchi e i grandi emissori di CO2 devono essere ritenuti responsabili delle loro emissioni. I paesi in via di sviluppo debbono fare la loro parte, ma spetta ai paesi ricchi indicare la strada e assumersi le conseguenze disastrose dei loro modelli di sviluppo e di consumo” evidenzia nel rapporto intitolato ‘Disuguaglianze estreme ed emissioni di CO2′ Romain Benicchio, responsabile delle politiche sul clima per Oxfam France. Piu’ nel dettaglio, una persona fra l’1% delle piu’ ricche al mondo genera in media 175 volte piu’ CO2 di una persona che rientra fra il 10% dei piu’ poveri. La Cop 21, ammoniscono da tempo scienziati e ambientalisti, e’ “l’ultima chiamata utile” per raggiungere, per la prima volta in vent’anni, un accordo vincolante e universale sul clima per mantenere il riscaldamento globale sotto la soglia dei 2°C rispetto all’era preindustriale (1850 circa): un’intesa che vada a sostituire il Protocollo di Kyoto- redatto nel 1997 e mai ratificato dagli Stati Uniti- scaduto nel 2012 ma esteso fino al 2020 (Kyoto 2).

2 Dic 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»