“Sono fascista”: rissa sulla Roma-Lido, ucraino colpisce con calci e pugni cittadino indiano

ROMA – Un’aggressione a calci e pugni sul trenino Roma-Lido. Il fatto è avvenuto nella serata di mercoledì sotto gli occhi di un passeggero che ha registrato un video con il cellulare e lo ha messo in rete dove in queste ore è diventato virale. La discussione, ascoltando l’audio del video, sembra essere nata da una motivazione razziale: “Sono un fascista”, pare urlare un uomo con accento dell’est e probabilmente ucraino. La vittima è un uomo di colore, forse indiano.

Nel video si vede la scena a cui hanno assistito i passeggeri intorno alle 21, all’altezza della stazione di Casal Bernocchi. Le immagini sono confuse ma si vede chiaramente che ad avere la peggio sono il cittadino indiano, che viene gettato a terra all’interno del vagone e una donna, che coinvolta suo malgrado nella rissa, resta ferita al volto e inizia a perdere sangue. Alcuni passeggeri la aiutano, altri invece si preoccupano dell’altro uomo rimasto immobile a terra. Chiamati dai cittadini, sul posto sono intervenuti i Carabinieri di Acilia. Ma nessuno ha presentato denuncia.

2 novembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»