Catalogna, chiesto mandato d’arresto europeo per Puigdemont

ROMA – La procura di Madrid ha chiesto l’emissione di un mandato d’arresto europeo contro il presidente destituito della Catalogna Carles Puigdemont e quattro dei suoi ministri.

Oggi, mentre in Spagna i magistrati hanno iniziato a interrogare alcuni ex esponenti del governo e del parlamento regionale catalano, sembra che Puigdemont sia rimasto in Belgio insieme ad alcuni suoi consiglieri. L’ex presidente ha lasciato la regione autonoma dopo essere stato accusato di “ribellione, sedizione, malversazione e reati connessi” insieme ai vertici del suo governo, in seguito alla dichiarazione unilaterale d’indipendenza.

LEGGI ANCHE: Catalogna, Puigdemont fugge a Bruxelles insieme a 5 consiglieri. In Spagna rischia il carcere

L’avvocato belga di Puigdemont Paul Bekaert ha affermato alla stampa che l’ex-presidente catalano sarebbe pronto a rispondere, da Bruxelles, alle domande della giustizia spagnola.

Oltre che per Puigdemont, il mandato d’arresto europeo chiesto da Madrid riguarda Meritxell Serret, ex ministro dell’Agricoltura, Antoni Comín, ex ministro della salute, Lluís Puig, ex ministro della Cultura e Clara Ponsatí, ex ministro dell’Istruzione.

2 Novembre 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»