Pirozzi contro il profilo social che lo vuole Governatore - DIRE.it

Lazio

Pirozzi contro il profilo social che lo vuole Governatore

Pirozzi contro il profilo social che lo vuole GovernatoreROMA – Basta con i messaggi “a mio nome”, altrimenti “sarò costretto ad adire le vie legali“. Sergio Pirozzi, sindaco di Amatrice e per molti potenziale candidato del centrodestra alle Regionali che dovrebbero tenersi a marzo 2018, è categorico: la pagina Facebook e l’account Twitter ‘Sergio Pirozzi Governatore’ devono smettere di comunicare messaggi a suo nome.

Questo perché, scrive Pirozzi su Facebook, “nessun social network è riconducibile a me, tranne il mio profilo privato Sergio Pirozzi, questa pagina Facebook, che viene gestita da me in prima persona, e l’account Twitter @Sergio_Pirozzi, che peraltro rimanda esclusivamente ai contenuti della pagina Facebook”.

Quindi, continua il primo cittadino di Amatrice, “diffido il creatore o i creatori di ‘Sergio Pirozzi Governatore’ dal continuare a comunicare messaggi a mio nome. In caso contrario, sarò costretto ad adire le vie legali per tutelare non tanto la mia persona, quanto la buona fede di quelle donne e quegli uomini che sono stati vicini a me, ma soprattutto ad Amatrice, in questi mesi difficili”.

2 novembre 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»