San Marino

Elezioni, Lpl: Fuori i “vù cumprà” e migranti da San Marino

sanMarino_piazza_libertaSAN MARINO – No all’assalto dei “vu cumprà” nella Repubblica di San Marino. La Lista delle persone libere interviene all’indomani dell’episodio che ha visto per protagonista un venditore ambulante di colore. Lo stesso ha avuto la malaugurata idea di varcare il confine a Dogana in bicicletta e di esporre la sua mercanzia, fatta per lo più di portafogli “taroccati” di poco valore, fuori da un supermercato sammarinese. A seguito delle segnalazioni dei cittadini, non abituati a certe visite indesiderate, l’abusivo è stato fermato dalle forze di polizia e riaccompagnato al confine. Non soddisfatta per come si è conclusa la vicenda, ci torna sopra oggi la Lista delle persone libere, denunciando l’assenza di controlli fissi ai varchi di frontiera. “Il venditore- lamenta infatti la lista di Marco Severini- è arrivato tranquillamente in bicicletta senza che nessuno lo fermasse al varco di frontiera e chiedesse documenti”.

E ancora: “Probabilmente l’abusivo- incalza Lpl- ha già parlato con i suoi colleghi, dicendo loro di come sia facile entrare a San Marino e vendere la propria mercanzia”. Non è stato sufficiente, per Lpl, l’intervento delle forze dell’ordine: “Queste non possono essere sempre presenti- chiarisce- soprattutto se i “vu cumpra’”, una volta capito l’assenza di controlli fissi ai varchi di frontiera, decideranno di venire a vendere in Repubblica”. In definitiva la lista delle Persone libere dice “no ai vu cumprà, ai migranti in Repubblica”. E punta il dito contro il controllo sul territorio delle forze dell’ordine che è “carente” perchè risultano “malequipaggiate, di numero inferiore al necessario e demotivate”. Di qui la necessità di un rinnovato slancio: “Le forze dell’ordine- conclude Lpl- dovranno essere di numero congruo, con più pattuglie in orari notturni e dotati di idonei mezzi di controllo”.

2 novembre 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»