'The music of Frank Zappa', venerdì il sassofonista Napoleon Murphy Brock in concerto a Roma - DIRE.it

‘The music of Frank Zappa’, venerdì il sassofonista Napoleon Murphy Brock in concerto a Roma

Frank Zappa“Il meglio che c’era allora”. Perché Frank Zappa era un “genio”, che in una sola serata, dopo un concerto, scelse Napoleon Murphy Brock come suo “frontman”. E proprio Napoleon, arzillo 70enne ma soprattutto straordinario polistrumentista, sarà protagonista venerdì 6 novembre al Crossroads Live Club, a Roma, con il jazzista Riccardo Fassi e la sua Tankio Band di ‘plays The Music of Frank Zappa’, interessante progetto sul genio di Baltimora, scomparso il 4 dicembre del 1993.

A Roma già da alcuni giorni, Napoleon si è raccontato ricordando anche il primo incontro avuto con Zappa. Era l’agosto del 1973 quando lo stesso musicista – nato a Baltimora da papà originario di Partinico, provincia di Palermo, e da mamma con origini italiane – lo ascoltò suonare dal vivo. Lo ascoltò e lo apprezzò talmente tanto che alla fine della sua esibizione, lo avvicinò e…”mi disse: ‘ciao sono Frank Zappa e tu sei il mio nuovo cantante e frontman'”.  Ancora oggi, quando lo ricorda, l’espressione è eloquente, sorpresa e divertita. Del resto suonare con “il meglio” non è cosa da tutti.

“Noi viviamo la musica- dice ancora- Non la suoniamo e basta. La viviamo”. Sul rapporto con Roma, sul suonare in Italia come successo in passato con i The Grandmothers Of Invention, per Napoleon “il pubblico italiano è fantastico. La cultura musicale italiana è, dice “simile a quella dei brasiliani, si somigliano”.  Il progetto che vedrà sullo stesso palco Napoleon e Riccardo Fassi “nasce come lo sviluppo di una idea. È un progetto dedicato ad una fase interessante di Zappa”. Una big band stile Zappa, la musica geniale dell’autore di capolavori come ‘Watermelon in Eastern Hay’: tutti gli ingredienti per una bella serata di musica.

di Adriano Gasperetti – giornalista professionista

2 novembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»