AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE Emilia-Romagna

A Bologna l’Ms food day: 200 scienziati che passano il cibo ai raggi ‘x’

BOLOGNA – Per tre giorni Bologna sarà la capitale scientifica dei controlli sul cibo. Dall’11 al 13 ottobre, circa 200 esperti dall’Italia e dal mondo saranno sotto le Due torri per il Ms food day, l’appuntamento biennale dedicato agli addetti ai lavori per fare il punto sulla spettrometria di massa, una tecnica di controllo delle sostanze applicata alla sicurezza alimentare. E’ usata ad esempio per intercettare tossine o contaminanti nell’olio e verificare l’autenticità del Parmigiano reggiano, ma anche identificare la provenienza geografica dei prodotti e combattere le frodi alimentari.

La prima edizione del Ms food day si è svolta a Parma nel 2009, seguita da Trieste, Trento e Foggia. A organizzare l’edizione 2017 è Coop Italia, il cui presidente Marco Pedroni ha presentato l’iniziativa oggi in Regione Emilia-Romagna insieme all’assessore regionale all’Agricoltura, Simona Caselli. Presente anche il prorettore alla Ricerca dell’Alma Mater di Bologna, Antonino Rotolo.

“Apprezzo molto che questo stimolo venga dal mondo produttivo- afferma- e che venga usato uno strumento come lo spettrometro che è tipico della ricerca di base. Bisogna abbattere lo stereotipo che vede da un lato la ricerca di base e dall’altro quella applicata per scopi industriali”. Dal canto suo, Caselli ci tiene a sottolineare l’impegno della Regione sia contro le contraffazioni sia per l’etichettatura dei prodotti. “Credo molto nella tecnologia”, afferma l’assessore. “I consumatori sono bombardati di informazioni– aggiunge Pedroni- ma due terzi sono sbagliate o non vere. Ed è colpa anche dei produttori, che non danno informazioni semplici”. Le analisi fatti con gli spettrometri potrebbero servire “anche a questo”, afferma il presidente di Coop Italia.

di Andrea Sangermano, giornalista professionista

02 ottobre 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988