A Roma corteo degli studenti medi contro 'la buona scuola' - DIRE.it

Lazio

A Roma corteo degli studenti medi contro ‘la buona scuola’

ROMA – Partito da Piramide, a Roma, il corteo degli studenti medi autorganizzati. Partecipano, tra gli altri, i collettivi dei Licei Virgilio, Ripetta, Cavour, Righi, Manara.

All’altezza del Circo Massimo, momenti di tensione fra gli studenti medi autorganizzati di diversi istituti della Capitale ed un corteo di Lotta Studentesca. Sebbene con rallentamenti, la protesta prosegue. A gruppi arrivano studenti dal Dante, dal Kant, dal Montessori e di altre scuole. Animata dallo slogan #NoBuonaScuola la protesta porta in strada un ventaglio di rivendicazioni definito da Vittoria – del Liceo Virgilio – “abbastanza ampio”, che va dal No all’ingresso delle aziende nelle scuole al dissenso verso il modello Expo e le norme contenute nello Sblocca Italia.

A Roma piove a sprazzi sul corteo degli studenti medi autorganizzati, che per gli organizzatori continua “contro tutti e contro tutto”. Il corteo, infatti, non ha chiesto l’autorizzazione della Questura. Oltre sfilare contro la riforma Giannini-Renzi i ragazzi, ora su viale Trastevere per animare la protesta al ministero dell’Istruzione, esprimono la loro solidarietà nei confronti dei migranti sgomberati l’altro ieri a Ventimiglia.

Arrivato al “ministero della morte dell’Istruzione” il corteo studentesco dei collettivi autorganizzati. Ad attenderlo, Carabinieri e Guardia di Finanza in assetto antisommossa. I giovani in protesta sono qualche centinaio “nonostante – dicono – lo sciopero dei mezzi, i ricatti di presidi e insegnanti e, non ultima, la pioggia” e fanno sapere che “ritorneranno in piazza”.

di Giulia Filpi

2 ottobre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»