Lazio

Atac, Esposito: “Ogni giorno 1.500 bus non in grado di andare in strada”

stefano espositoNon c’è nessuna soppressione di corse, il dramma è che noi abbiamo 1.500 bus che tutti i giorni non vanno in strada e nel corso della giornata ne rientrano circa 250-300 perché si rompono. Il problema è dovuto alla manutenzione, quando hai un parco mezzi vecchio con i bus più giovani che abbiamo, e sono pochi, che hanno 10 anni e gli altri in media hanno 12-13 anni, quando sull’infrastruttura della metropolitana da 10 anni si sono scordati di fare la manutenzione ed è in condizioni di oggettiva mancanza di interventi che sono necessari, questo è il risultato. Non mi metto a scaricare sul passato, mi faccio carico anche di ciò che non è stato fatto, io mi devo occupare di come risollevare una situazione difficilissima”. Lo ha detto l’assessore ai Trasporti di Roma Capitale, Stefano Esposito, intervenendo in diretta ai microfoni di Radio anch’io su Radio1, in merito alla situazione di Atac.

E non pagare il biglietto è un gatto che si morde la coda. “C’è un clima complessivamente molto difficile in città. Qualcuno pensa che sia giusto non pagare il biglietto, ma questo è un gatto che si morde la coda: la legge si rispetta, perché se uno pensa di rispettarla solo quando ritiene che il servizio sia adeguato non siamo più in una democrazia con delle regole ma siamo nell’anarchia, una delle peggiori pratiche della storia”.

2 ottobre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»