AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE lazio

Terremoto, Charlie Hebdo ci scherza sopra con una vignetta

charlie_gebdo_terremotoROMA – Il titolo è “Terremoto all’italiana: penne al sugo di pomodoro, penne gratinate, lasagne“. E’ l’ultima vignetta del settimanale satirico francese Charlie Hebdo, uscito il 31 agosto. E questa volta, nel mirino degli umoristi francesi, ci finisce l’Italia e con essa i terremotati del Centro Italia. Che vengono disegnati sporchi di sangue oppure sepolti da più strati di macerie. Con tanto di accostamento ai piatti di pasta oppure, nel caso degli strati, alle lasagne. L’immagine è pubblicata nell’ultima pagina del settimanale, che apre invece con una vignetta sul burkini. Nelle poche righe che accompagnano l’immagine c’è anche quella che vorrebbe essere una battuta: “Non si sa ancora se il terremoto abbia gridato Allah Akbar prima di tremare” .

Sui social la reazione di indignazione è immediata. Tanti sostengono che Charlie Hebdo ha passato il segno, che non si può scherzare sulle 294 vittime di un terremoto.  E, dopo il motto #JesuisCharlieHebdo che era dilagato all’indomani dell’attentato terroristico del 7 gennaio 2015 nella sede del giornale, oggi qualcuno si rimangia quella dichiarazione di solidarietà e fa un passo indietro.

GIORGIA MELONI: “NON FA RIDERE, L’HA DISEGNATA UN CRETINO”

Charlie Hebdo pubblica una vignetta satirica sui morti italiani del terremoto. Non fa ridere, non è sagace, non c’è neppure del “sarcasmo nero”. È solo brutta. Si vede che l’ha fatta un cretino. ‎Mi spiace non siano riusciti più a trovare vignettisti capaci.‎

Meloni_charlie_hebdo

TERREMOTO, CHARLIE HEBDO: E’ MAFIA A COSTRUIRE VOSTRE CASE

Rvign1OMA – “Italiani… non e’ Charlie Hebdo che costruisce le vostre case, e’ la mafia”. Con una nuova vignetta il settimanale satirico francese replica alle polemiche scoppiate in Italia dopo la pubblicazione dell’immagine sui morti italiani del terremoto del 24 agosto seppelliti tra le lasagne. La vignetta di replica e’ stata pubblicata sulla pagina Facebook della rivista.

LEGGI ANCHE: 

02 settembre 2016

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988