Strage Bologna, Fdi: “Matrice nera per ragioni di stato, giudici sempre condizionati”, aula insorge

ROMA – La verità non si “è ancora affermata. I veri colpevoli non sono stati ancora condannati. Bisognerebbe avere il coraggio di dire che i giudici a Bologna sono sempre stati prigionieri di logiche ideologiche-giudiziarie con lo scopo non di ricercare la verità ma di riuscire, a tutti i costi, ad arrivare alla conclusione che la matrice fosse nera per ragione di stato”. Sono le parole delle deputata di Fdi Paola Frassinetti, che hanno provocato la protesta forte di una parte dell’aula della Camera.

“Bisognerebbe avere lo stesso coraggio del presidente Cossiga– prosegue- quando nel 1991 ebbe l’onestà di ammettere che si era sbagliato e che la strage non era addebitabile ad ambienti di estrema destra chiedendo anche scusa. Anche il nuovo processo iniziato a Bologna in corte di Assise a marzo è un’altra occasione perduta. Invece di approfondire la pista che porta a verificare l’ipotesi dell’esistenza di una ritorsione del terrorismo palestinese…”.

Leggi anche:

 Strage Bologna, Francesca Mambro in aula: “Mi sento una deportata, noi di destra carne da macello”

Strage Bologna, Ciavardini: “Non mi pento perchè innocente. Noi condannati per ipotesi”

Leggi anche:

2 Agosto 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»