Rifiuti, il M5S ci riprova e porta l’inchiesta Akron in Parlamento

rifiuti tossici a rocca cencia2

BOLOGNA – Dopo la bocciatura incassata in Assemblea legislativa sulla commissione d’inchiesta regionale sul ciclo dei rifiuti, l’M5s ci riprova. E questa volta porta lo “scandalo Akron” in Parlamento. Alberto Zolezzi, portavoce dei 5 stelle alla Camera, nei prossimi giorni presenterà una richiesta alla Commissione di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali, perchè “approfondisca le criticità emerse anche dall’indagine della Dda di Bologna su Akron, che ha portato all’iscrizione nel registro degli indagati di cinque persone”.

Secondo Zolezzi e Giulia Gibertoni, consigliera regionale M5s, è “dovere del Parlamento dover fare gli approfondimenti. Non chiederemo l’istituzione di una commissione d’inchiesta specifica, ma semplicemente che la commissione già esistente che si occupa di ciclo dei rifiuti e illeciti ambientali metta in agenda a breve una missione specifica in Emilia-Romagna per approfondire le criticità della filiera, le criticità connesse alla gestione e smaltimento in capo agli stessi gestori, gli alti contributi richiesti ai cittadini e la situazione delle discariche e degli stoccaggi di amianto”. Anche perchè, attacca Gibertoni, “Pd e Giunta stanno cercando in tutti i modi di far calare il silenzio su questo tema”.

Il sospetto dei 5 stelle “è che il nuovo Piano dei rifiuti, appena approvato dalla Regione, potrebbe essere stato basato su dati sballati o inesatti a causa di quelle stesse anomalie che l’indagine su Akron ha evidenziato, né si può escludere che gli stessi comportamenti oggetto d’indagine da parte della magistratura e della Dda sullo smaltimento dei rifiuti nell’impianto di Modena, gestito prima da Akron e poi da Herambiente, siano stati messi in atto anche in altri impianti”.

2 Luglio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»