Bangladesh, Esposito (Copasir): "Isis e Al Qaeda insieme, a capo un occidentale" - DIRE.it

Mondo

Bangladesh, Esposito (Copasir): “Isis e Al Qaeda insieme, a capo un occidentale”

isis

ROMA – “Esprimo il mio rammarico e tutto il mio dolore per il brutale attentato criminale avvenuto in Bangladesh. Sono vicino alle famiglie degli italiani colpiti nella cosa più cara che ognuno di noi ha: la vita e la libertà. Non mi meraviglia, però, ciò che è successo ieri a Dacca e nei giorni scorsi in Turchia, a Parigi, a Bruxelles, al Cairo e in tutti gli altri attentati che stanno avvenendo in questo ultimo anno”. Lo afferma il vicepresidente del Copasir, Giuseppe Esposito.

È chiara la strategia dell’Isis, di Al Qaeda e di tutte le sigle del terrore islamico. Questi gruppi- dice Esposito- hanno iniziato la loro crociata oltre i propri confini con tre obiettivi principali. Il primo obiettivo è spingere al terrore e alla paura chi è contro di loro. Il secondo obiettivo è aumentare la povertà e diminuire le libertà nei paesi islamici che hanno rapporti con i paesi occidentali. Terzo obiettivo affermare la supremazia dei fondamentalisti islamici rispetto alla maggioranza moderata dell’Islam e affermare le differenze e le supremazie di caste religiose”.

“La notizia che i media in queste settimane hanno riportato- prosegue Esposito- oggi trova una risposta. L’Isis e Al Qaeda sono insieme in questa guerra e non sono contrapposte. La struttura estera o la campagna estera, di questi pazzi, si fonda su una vera e propria organizzazione alla cui testa vi è un combattente vissuto in occidente arruolatosi con il Califfato. Una specie di direttore”.

“Colpiamoli, colpiamoli presto. Colpiamoli tagliando i finanziamenti e le imprese criminali che finanziano il terrore. Fermiamo il finanziamento dei paesi canaglia. Colpiamoli- conclude il vicepresidente del Copasir- portandoli alla fame e colpiamo tutti quei Paesi o gruppi che flirtano con il terrore nero”.

2 luglio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»