In Kenya terre e diritti per gli Ogiek, comunità della foresta

ROMA – Una commissione governativa del Kenya deciderà questo mese le modalità attraverso le quali risarcire per gli sgomberi e gli abusi subiti una comunità originaria della Foresta Mau, polmone della Rift Valley, la frattura geologica che taglia l’Africa orientale. In favore degli Ogiek, questo il nome del gruppo, si era espressa lo scorso anno la Corte africana per i diritti dell’uomo e dei popoli.

Con la sentenza, ricorda il settimanale ‘The East African’, erano stati invece condannati gli sgomberi e gli espropri di terreni disposti dal governo di Nairobi. Secondo Daniel Kobei, direttore di Ogiek Peoples’ Development Program, ong che si era costituita parte civile, “la comunità appare ora un po’ stabilizzata da un punto di vista psicologico e spera di riavere le proprie terre”. La commissione governativa era stata istituita a novembre, dopo la sentenza della Corte, che ha sede in Tanzania.

Leggi anche:

2 giugno 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»