Bologna, i collettivi anti-Salvini in marcia verso piazza Maggiore - DIRE.it

Emilia Romagna

Bologna, i collettivi anti-Salvini in marcia verso piazza Maggiore

cua_2

BOLOGNA –  I collettivi anti-Salvini e antifascisti che da ieri sera erano ‘accampati’ in piazza Verdi a Bologna decisi a difenderla dall’eventuale venuta del leader della Lega nord si stanno ora dirigendo verso piazza Maggiore, dove Matteo Salvini ha annunciato che parlerà alle 18 per la chiusura della campagna elettorale della candidata sindaco del Carroccio, Lucia Borgonzoni. L’evento è a rischio disordini e la piazza è letteralmente blindata dalle forze dell’ordine. Il corteo è partito e sta risalendo via Zamboni.

salvini_piazza maggiore

Intanto, su Facebook, Borgonzoni stigmatizza il comportamento degli attivisti che avevano portato in piazza Verdi delle balle di fieno per impedire alla Lega di avvicinarsi. La leghista posta una foto delle balle di fieno e dice: “Quanto tempo ancora, prima di sbattere fuori da Bologna questi fenomenini? Dal 19 cambierà tutto per loro…”.

Nella notte, scrive su Facebook Andrea Politi, segretario del circolo Pd centro storico, è stata imbrattata la targa della sede Pd del centro storico di Bologna, su cui è stata tracciata la parola “merde”. “Son episodi che si ripetono con una certa frequenza sia qui che in altre zone. Ricordiamoci che siamo prossimi a eventi importanti. Nervi saldi. Rimbocchiamoci le maniche”, scrive Politi.

cricolo_pd_bo

2 giugno 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»