Comunali, Meloni chiude a Tor Bella Monaca con le statue della Roma antica - DIRE.it

Lazio

Comunali, Meloni chiude a Tor Bella Monaca con le statue della Roma antica

tor_bella_monica

ROMA – “Nella Roma che vuole realizzare Giorgia Meloni ogni quartiere è il centro. Quello di oggi non sarà quindi solo un comizio di chiusura della campagna elettorale ma l’occasione per presentare una visione di città. A Tor Bella Monaca (VI Municipio) a Largo Gennaro Boltri, in un’area completamente ripulita dai volontari della campagna elettorale, è stato ricostruito il centro storico di un borgo italiano, una piazza in festa, insomma, con i suoi elementi architettonici, con tutte le attività tipiche, l’animazione per i bambini, gli stand enogastronomici e anche punti di assistenza utili per i cittadini”. E’ quanto si legge in una nota del comitato elettorale di Giorgia Meloni.

“La scelta di Tor Bella Monaca- si legge ancora nel comunicato- non è casuale perché questo è il primo quartiere di Roma che da sindaco la Meloni vuole trasformare inzona franca urbana‘: alle imprese che svolgono la propria attività nella zona franca è riconosciuta l’esenzione dalle imposte sui redditi, dall’Irap e dall’Imu. L’idea di questa particolare chiusura di campagna elettorale prende spunto dal progetto di rigenerazione urbana dell’architetto Leon Krier per Tor Bella Monaca secondo il quale prima si costruisce il bello e poi si abbatte il brutto. Per questo quartiere (Largo Boltri, via Santa Rita da Cascia e via Giuseppe Ugonia) il programma prevede la sostituzione edilizia dei palazzi di proprietà di Roma Capitale e la creazione tutt’intorno di vaste aree a parco agricolo-archeologico. Intanto grazie ai volontari di Giorgia Meloni che l’hanno ripulita per la chiusura della campagna elettorale la piazza sarà lasciata in dotazione agli abitanti del quartiere”.

“In piazza a Tor Bella Monaca anche statue della Roma antica: le riproduzioni dell’Imperatore Augusto e la Lupa Capitolina. Tra gli obiettivi del programma di Giorgia Meloni c’è quello di portare il bello nelle periferie per renderle vive e realizzare così nuovi centri. In zone come quelle del VI Municipio è necessario aprire musei e luoghi di aggregazione culturale sfruttando anche i beni archeologici che giacciono negli scantinati delle sovrintendenze”. E’ quanto si legge in una nota del comitato elettorale di Giorgia Meloni.

2 giugno 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»