Sanità

Scompenso cardiaco, via al tour in camper per prevenirlo

tour_sanita

ROMA – Lo scompenso cardiaco, condizione in cui il cuore non riesce a pompare in modo soddisfacente il sangue nel resto dell’organismo, oggi colpisce in Italia oltre un milione di persone. Per diffondere la conoscenza della patologia e prevenirla, in occasione della Settimana europea dello scompenso cardiaco (in programma da oggi fino al 10 maggio), l’Aisc-Associazione italiana scompensati cardiaci lancia una serie di iniziative di sensibilizzazione attraverso punti informativi sparsi sul territorio nazionale. In particolare parte oggi da Roma, da piazza del Popolo, un camper ambulatorio mobile che attraverserà tutta l’Italia con medici e personale che saranno a disposizione del pubblico per dare tutte le informazioni utili, chiarire dubbi sullo scompenso cardiaco ed effettuare visite gratuite.

tour_sanita3 Il camper itinerante avrà come tappe Rieti, Siena, Firenze, Pavia, Foggia, Avezzano, Cassano delle Murge, Agropoli e Acciaroli, per fare poi ritorno a Roma l’8 maggio. L’iniziativa ha il supporto incondizionato di Novartis, Medtronic e Bayer e il patrocinio non economico dell’università Sapienza di Roma. “Come associazione di pazienti- spiega il presidente di Aisc, Oberdan Vitali– siamo orgogliosi di poter dare il nostro supporto ad un’iniziativa che punta all’informazione della popolazione su una patologia così insidiosa come lo scompenso cardiaco. La diagnosi tempestiva è infatti fondamentale perché permette di prevenirlo, rallentarlo o di svolgere una vita il più possibile normale. Per questo motivo, in occasione delle giornate europee dedicate alla patologia, abbiamo attivato tutti i nostri strumenti per diffondere in maniera capillare sul territorio una campagna di informazione e sensibilizzazione che parte proprio da chi ogni giorno con lo scompenso cardiaco ci deve vivere. Metteremo a disposizione di coloro che si recheranno presso i nostri punti informativi dei vademecum e l’esperienza sia dei nostri pazienti sia dei medici che effettueranno delle visite gratuite”.

tour_sanita4Sebbene lo scompenso cardiaco possa manifestarsi a qualunque età, è più frequente che faccia la sua comparsa in età avanzata, con un’incidenza progressivamente maggiore in relazione all’invecchiamento. Da qui nasce la sottovalutazione dei sintomi (tra cui stanchezza, spossatezza e affaticamento) molto spesso ricollegati semplicemente all’avanzare dell’età. “Invece- spiegano dall’Aisc- il corpo non riceve l’ossigeno e il nutrimento necessari per funzionare normalmente e il cuore cerca di ‘arginare’ questa mancanza con una misura temporanea, che maschera solo provvisoriamente lo scompenso. Ecco perché è fondamentale saper riconoscere per tempo la patologia e soprattutto prevenirla“. Tra le varie tappe c’è da segnalare in particolare quella di Acciaroli (in provincia di Salerno) prevista per domenica 8 maggio, dove si svolgerà un incontro-dibattito tra quattro centenari originari del Cilento e una delegazione di pazienti affetti da scompenso cardiaco. La scelta di Acciaroli è legata al fatto che questo spicchio di popolazione è conosciuto e studiato per avere un bassissimo tasso di problemi cardiaci e un alto tasso di longevità. Ma ancora: coloro che si recheranno al cinema presso il Cineland di Ostia potranno ricevere materiale ed informazioni sulla patologia; presso l’aeroporto di Catania, invece, si svolgerà un evento sulla dieta mediterranea che prevederà anche la dimostrazione pratica di uno chef; mentre a Rieti, oltre al camper, i cittadini troveranno screening e consultazioni gratuiti. “Insomma- proseguono- l’Italia si mobilita grazie ai pazienti scompensati appartenenti ai Centri Aisc dislocati sull’intero territorio nazionale i quali saranno attori, per una settimana, per testimoniare l’importanza di fare rete, di essere bene informati e di seguire uno stile di vita- concludono dall’associazione- basato sulla dieta mediterranea e sull’attività fisica”.

2 maggio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»