Elite di oncologi a Milano: "Possiamo ambire a sconfiggere il cancro entro la prossima decade" - DIRE.it

Sanità

Elite di oncologi a Milano: “Possiamo ambire a sconfiggere il cancro entro la prossima decade”

oncologi milano

MILANO – “Possiamo ambire a sconfiggere il cancro entro la prossima decade“. Le parole del vicedirettore scientifico dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Napoli Nicola Mozzillo ben inquadrano il clima in cui i maggiori rappresentanti dell’oncologia mondiali si sono incontrati all’Istituto Europeo Oncologico di Milano per discutere dei progressi nella cura del melanoma e soprattutto dei possibili sviluppi della tecnica del linfonodo sentinella, nuova frontiera nell’individuazione preventiva delle metastasi.

Negli ultimi anni le persone colpite da melanoma in Italia, arrivano a circa 12.000 casi l’anno. In particolare in Lombardia, se si considera la forbice temporale che va dal 1970 al 2015, l’incidenza e’ passata da 2 a 26 malati all’anno nei maschi e da 3 a 16 nelle femmine. A questo pero’ e’ seguita la risposta scientifica: “Negli ultimi anni si e’ passati dal 5% di curabilita’ a oltre il 50%– spiega Alessandro Testori, che e’ direttore del reparto dermato-oncologico dello IEO- grazie alle cure molecolari e degli anticorpi, per questo motivo anche noi medici dobbiamo cercare di aiutare i pazienti ad affrontare piu’ serenamente il percorso terapeutico”, il tutto per “non accentuare l’ansia che normalmente accompagna questo tipo di diagnosi”.

All’incontro con la stampa presente anche l’assessore al Welfare della Regione Lombardia Giulio Gallera che ha rimarcato “l’importanza della sinergia tra Milano e Napoli nell’eccellenza dell’oncologia”, sottolineando come anche dal governatore lombardo Roberto Maroni sia arrivato “un plauso per l’iniziativa che ancora una volta sottolinea il primato della sanita’ lombarda e della sua riforma innovativa e fuori dalla linea nazionale”.

Parlando del linfonodo sentinella, “la metodica e’ stata ideata vent’anni or sono e ha rivoluzionato molta parte della chirurgia del cancro- dice Mozzillo, che e’ direttore della divisione melanoma sempre a Napoli- contribuendo a mutare il volto, prima tanto temuto, con una strategia rispettosa dell’immagine e della psiche. Le istituzioni italiane sono state tra quelle che hanno maggiormente contribuito alla diffusione di questo metodo, grazie alla collaborazione con i maggiori centri esteri”, conclude il professore. Dunque, l’obiettivo e’ “essere sempre piu’ selettivi e conservativi”, aggiunge Alessandro Testori, che insieme a Mozzillo e’ presidente del congresso biennale dell’ISNS, societa’ internazionale del linfonodo sentinella.

“Bisogna al contempo riuscire ovviamente a mantenere le stesse garanzie di cura- prosegue Testori- ad esempio proprio durante il congresso verra’ presentato un progetto che potenzialmente potrebbe portare a un’ulteriore riduzione del numero degli interventi invasivi”. Piu’ nel dettaglio, “grazie a un test molecolare verranno selezionati i pazienti su cui procedere con la biopsia del linfonodo sentinella”, questo grazie all’indicatore di melanina, “una sostanza prodotta dalle cellule tumorali in caso di melanoma”, conclude Testori. Attualmente la tecnica coinvolge il tumore al seno, il melanoma, “ma sta abbracciando sempre piu’ casi di neoplasie di diverse aree”, assicura Monzillo.

di Nicola Mente, giornalista

2 maggio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»