Dal 5 al 7 aprile a Trieste l’Unesco Italian Youth Forum

Temi del Forum Scienza, Ambiente e Tutela del Mare, con focus speciali su tutte le applicazioni della scienza alla cultura, alla società e allo sviluppo sostenibile del pianeta
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Giovani italiani, mobilitiamoci!”: questo il monito che, in occasione dell’Unesco Italian Youth Forum  di Trieste in programma dal 5 al 7 aprile a Trieste, il presidente Unesco giovani Paolo Petrocelli vuole rivolgere alle nuove generazioni.

“Con questo appuntamento- spiega Petrocelli- vogliamo lanciare una nuova chiamata a tutti quei giovani cittadini che credono che per costruire un futuro migliore per il nostro Paese, si debba lavorare prima di tutto su istruzione, educazione e cultura. Vogliamo incontrare e parlare con i ventenni e i trentenni italiani che s’impegnano con passione, determinazione e coraggio, giorno dopo giorno, per rendere la nostra società più giusta, più umana, più solidale”.

Strutturato per tre giorni con iniziative aperte al pubblico (5 aprile) e per addetti ai lavori (6 e 7), Il Forum verterà quest’anno sul tema Scienza, Ambiente e Tutela del Mare, con focus speciali su tutte le applicazioni della scienza alla cultura, alla società e allo sviluppo sostenibile del pianeta.

“Con questo evento- continua Petrocelli- chiamiamo a raccolta tutti i giovani che studiano, svolgono attività di ricerca, insegnano all’interno delle nostre scuole e università, tutti i giovani professionisti che lavorano nelle nostre istituzioni e nelle nostre imprese con un senso di speranza e orgoglio, tutti i giovani che attraverso le arti, la musica, la scrittura creano bellezza, tutti i giovani che s’impegnano in organizzazioni non profit per sostenere e promuovere le grandi cause umanitarie e i temi ambientali. In sintesi, chiamiamo a raccolta tutti quei giovani che credono nella meritocrazia, nella democrazia, nei valori europei, nei diritti fondamentali dell’uomo. E’ tempo di tornare a farci sentire, tutti assieme!”

L’UNESCO ITALIAN YOUTH FORUM EVENT

E’ un incontro internazionale dedicato a centinaia di giovani italiani ed europei dai 25 ai 35 anni incentrato sui grandi temi dell’Unesco ed ha ricevuto il riconoscimento della Medaglia di Rappresentanza del Presidente della Repubblica Italiana. Dopo Roma, Napoli e Matera, il Forum approda a Trieste, Capitale Europea della Scienza 2020.

Questo il programma di venerdi 5 aprile al Teatro Verdi di Trieste (ingresso libero fino ad esaurimento posti):

ore 20 Talk del Presidente dell’Associazione Italiana Giovani per l’UNESCO, Paolo Petrocelli.

Ore 20.15 Apertura dell’Unesco Italian Youth Forum – Trieste 2019. Interviene il Presidente della Commissione Nazionale per l’UNESCO, Franco Bernabè.

Ore 20.30 due chiacchiere con… Il Presidente Il Presidente dell’Associazione Italiana Giovani per l’Unesco, Paolo Petrocelli incontra Il Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Vincenzo Spadafora.

Ore 20.45 Il benvenuto dei padroni di casa. La Rappresentante dell’Associazione Italiana Giovani per l’Unesco, Friuli Venezia Giulia, Marina Coricciati incontra i rappresentanti del Comune di Trieste, della Regione Friuli Venezia Giulia e del Teatro Verdi. Ore 21 Punti di vista: Giovani, Scienza e Partecipazione. La Vice Presidente dell’Associazione, Giulia Serinelli e il Segretario dell’Associazione Antonio Libonati incontrano: La Presidente della Fondazione Bracco, Diana Bracco. Il Presidente FIT, Champion ESOf 2020, Stefano Fantoni. La Senior Relationship Manager & LinkedIn Official Spokeperson, Francesca Lanzara L’architetto presso Ufficio Unesco, MiBAC Segretariato Generale, Coordinamento-ufficio Unesco, Francesca Riccio, Fernando Quevedo, Direttore ICTP (Abdus Salam International Centre for Theoretical Physics). Special guest: Boosta, Casa Surace.

Ore 22. Chiusura

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

2 Aprile 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»