Politica

Embraco, Calenda convoca i sindacati al Mise

ROMA – Il ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha convocato per oggi alle 10.30 al Mise i sindacati, sulla vertenza Embraco. Al centro del vertice una informativa del ministro sugli investitori interessati a subentrare nello stabilimento piemontese.

FIOM: VERSO CONGELAMENTO LICENZIAMENTI

“Abbiamo conferma sul congelamento delle lettere di licenziamento per il 2018 in attesa della reindustrializzazione”. Cosi Lino La Mendola, della Fiom di Torino, sulla situazione della Embraco di Riva di Chieri. Entrando al ministero dello Sviluppo economico per l’incontro con il ministro Carlo Calenda, il sindacalista osserva che “la copertura salariale dovrebbe essere piena per quest’anno, ci aspettiamo che ci sia una soluzione dal 1 gennaio 2019. Ci deve essere una soluzione in modo che nessun lavoratore venga cacciato contro la sua volonta’”.

INVITALIA: LICENZIAMENTI CONGELATI FINO A FINE ANNO

“I licenziamenti saranno congelati fino a fine anno, la trattativa si sta concludendo in modo positivo”. Così l’amministratore delegato di Invitalia, Domenico Arcuri, lasciando il Ministero dello Sviluppo Economico, riferisce dell’incontro sul futuro dello stabilimento piemontese di Embraco. “L’accordo- spiega- verte sulla assenza di licenziamenti e l’attivazione del processo di reindustrializzazione. Invitalia utilizzerà il fondo contro le delocalizzazioni e cercherà investitori”, conclude Arcuri.

2 marzo 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»