Banche, Toti: “Ho sentito Conte, molta attenzione su Carige”

Oggi è stata decisa l'amministrazione straordinaria. I sindacati chiedono un incontro urgente con i commissari
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “La Regione Liguria sta seguendo in queste ore lo sviluppo degli eventi legati alla situazione di Banca Carige. Ho sentito questa mattina il neo-commissario Pietro Modiano e il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, che ha assicurato grande attenzione da parte del Governo alla vicenda e all’economia ligure in generale, come ha dimostrato il Decreto Genova”. Lo scrive su facebook il presidente della regionen Liguria Giovanni Toti.

L’istituto di credito– aggiunge- è partner di Regione in molte operazioni di politica economica, nonché patrimonio irrinunciabile del territorio: ribadiamo la nostra fiducia, la stessa che da sempre i liguri manifestano nei confronti di Carige e che non mancherà neppure in questa occasione”.

 

SINDACATI: ORA INCONTRO URGENTE CON COMMISSARI 

Un “incontro urgente” coi commissari straordinari di Carige. Lo chiedono, in una nota unitaria, i sindacati Fabi, First-Cisl, Fisac-Cgil, Uilca, Unisin e le segreterie di coordinamento del gruppo dopo l’amministrazione straordinaria decisa oggi per l’istituto. I sindacati “si aspettano che la gestione dell’azienda e del rapporto con i colleghi avvenga in perfetta continuità con la gestione attuale”, prosegue il comunicato.

“Chiedono inoltre con forza che venga indicata rapidamente una soluzione tale da rimediare alla situazione fortemente critica determinatasi in seguito alle decisioni assunte dall’assemblea degli azionisti”. Questa soluzione, precisano i sindacati, “dovrà garantire la salvaguardia, sotto ogni aspetto, di tutti i dipendenti del Gruppo“. Le sigle, infine, chiedono “che tutte le istituzioni, le autorità e le associazioni di categoria si mobilitino insieme al sindacato prendendo una netta posizione sulla vicenda e schierandosi a fianco dei lavoratori”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

2 Gennaio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»