Donna picchiata e legata al guinzaglio in pubblico, arrestato a Napoli

Per l'uomo è già arrivata la condanna in Direttissima: un anno e 4 mesi. E non potrà avvicinarsi alla donna
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Arrestato e condannato per direttissima a un anno e 4 mesi un uomo che a Napoli aveva malmenato la compagna. Applicata anche la misura del divieto di avvicinamento alla donna vittima della sua violenza. A sorprendere l’uomo sono stati gli agenti della polizia municipale di Napoli che la scorsa notte sono intervenuti ai gradoni di Chiaia dove l’uomo aveva messo al collo della compagna svenuta un guinzaglio per cani scatenando l’ira della folla presente sul posto.

Nonostante le giustificazioni dell’uomo, la donna, trasportata all’ospedale Cardarelli, ha raccontato che il suo compagno aveva reagito alla sua decisione di lasciare casa in modo aggressivo e violento, fino a strattonarla, colpirla con pugni schiaffi, minacciare di morte il suo cane e legarla al guinzaglio fino a provocarne lo svenimento. La donna presenta molti traumi a causa delle aggressioni subite e ha ricevuto una prognosi di 21 giorni.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

2 Gennaio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»