AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE sanità

Dagli eco-regali al ‘Capodanno virtuale’: ecco le feste in Rsa dell’Osa

ROMA – Dagli eco-regali al Capodanno ‘virtuale’, sono stati giorni di festa anche nelle Rsa e nei centri gestiti in tutta Italia dalla cooperativa Osa. Tanti infatti, grazie al coinvolgimento di operatori e associazioni, gli eventi che hanno regalato un sorriso e un po’ di serenità agli anziani e agli altri ospiti di residenze e Crap.

PER I CSA DI FROSINONE TOMBOLATE, FESTE E LABORATORI ARTISTICI RICREATIVI

L’arrivo delle festività natalizie è stato vissuto, anche quest’anno, con fermento e attesa da parte di tutti gli iscritti dei sei Centri sociali anziani di Frosinone gestiti dalla cooperativa Osa. “Abbiamo coinvolto gli anziani- racconta, a Osa news, Loredana dell’equipe di coordinamento- nell’allestimento di presepi, alberi e addobbi e ogni momento di festa, come le tombolate, è stata un’occasione per assaporare dolci tipici del Natale preparati dalle nostre signore”.

Le danze sono state letteralmente aperte il 2 dicembre con l’esibizione del gruppo dei balli popolari presso l’Auditorium Colapietro a conclusione del progetto in rete tra Osa, Auser e il gruppo musicale dei Trillanti che hanno reso l’atmosfera unica con le loro vivaci melodie, coinvolgendo il numeroso pubblico presente. Altro tradizionale appuntamento è stata la Festa di Santa Lucia curata dal Csa Fiordaliso e animata dal laboratorio musicale con il maestro Marchetti.

“Un gruppo di anziani- spiega Anna, l’operatrice del Csa ‘I girasoli’- ha partecipato con entusiasmo al progetto ‘Aspettando il bambinello… nonni e nipoti scoprono il dono della tenerezza‘. Otto anziani e i bambini della classe Va della scuola elementare di Madonna della Neve, con l’aiuto delle maestre e delle operatrici Anna e Rosalba, hanno realizzato un prezioso presepe fatto e decorato a mano.

“È stata una bellissima esperienza perché ha coinvolto due generazioni apparentemente distanti ma che, insieme, sono capaci di donarsi reciprocamente senza riserve”. Tutti gli iscritti dei laboratori artistici-creativi sono stati coinvolti nel ‘Progetto Natale’. L’obiettivo è stata la creazione di oggetti unici ricavati da materiali poveri e di recupero e realizzati dal laboratorio di ceramica e dal laboratorio di cucito che sono stati esposti e venduti in una mostra di beneficenza, domenica 18 dicembre, all’interno dell’allestimento rionale dei mercatini nel centro storico di Frosinone.

Martedì 20 dicembre, circa 300 iscritti hanno festeggiato il Natale con il consueto pranzo. La giornata è stata allietata da musica, balli, scambi di auguri e una maxi tombolata con ricchi e gustosi premi. Per l’occasione, a tutti i partecipanti sono stati donati addobbi natalizi in feltro (babbi natale, alberelli, pupazzi di neve da appendere) realizzati dal laboratorio di decorazione.



A MESAGNE OGGETTI E REGALI CON MATERIALE DA RICICLO

Portacandele con i tappi di sughero, portatovaglioli di feltro, segnaposti e centritavola ricavati utilizzando bottiglie di plastica e poi ancora angioletti fatti con il Das e le pigne. Sono dedicati a rendere più bella e accogliente la tavola i lavoretti realizzati per Natale dagli ospiti della Rssa Mesagne.

Per settimane, i nonni di Villa Bianca e i ragazzi di Casa Melissa, le due strutture che la cooperativa Osa gestisce in provincia di Brindisi, hanno lavorato per realizzare questi oggetti unici, da sistemare all’interno della sala mensa della struttura. Nel corso dei laboratori creativi, che hanno visto la partecipazione e la collaborazione artistica degli ospiti di Casa Melissa e Villa Bianca, sono state anche create speciali Stelle di Natale, frutto del reimpiego di materiale da riciclo come i rotoli di carta igienica.

È invece nata dalla nipote della signora Anna, assistita a Villa Bianca, l’idea di realizzare ghirlande con carta, colla e porporina. Un oggetto pensato per essere donato alla direzione della residenza, all’assistente sociale e ai propri cari. Non ci sono però solo le iniziative legate ai laboratori ad animare le iniziative natalizie della residenza Mesagne.

Il 24 dicembre, giorno della Vigilia del Santo Natale, c’è stata la festa per la nascita di Gesù; il 25 dicembre è stato tempo di auguri e brindisi per la grande famiglia della Rssa, mentre a Santo Stefano (26 dicembre) appuntamento con il concerto di Natale e con l’esibizione di un coro. A Capodanno, infine, musica e divertimento per tutti gli ospiti con il ‘Capodanno virtuale’.



A BELLAGIO GUFETTI CON LE PIGNE PER I BIMBI DELLE SCUOLE DEL TERRITORIO

Alla residenza Bellagio l’aria di Natale si respira ancora già entrando nella hall, dove è presente il grande albero tutto colorato. Non mancano, naturalmente, il presepe, i calendari dell’Avvento e gli addobbi realizzati dai ‘nonni’ nel corso dei laboratori ludico-creativi, che sono stati appesi alle pareti dei locali e dei vari saloni della struttura gestita dalla cooperativa Osa sul lago di Como.

È invece un gufetto costruito con le pigne, che al suo interno ‘custodisce’ un biglietto d’auguri e una poesia, il regalo che alcuni ospiti della residenza hanno voluto donare ai bambini delle scuole elementari e degli asili del territorio, nel corso del tradizionale scambio d’auguri natalizi organizzato in Rsa.

Un omaggio che vuole essere un portafortuna e che è il frutto del lavoro e dell’impegno da parte degli ospiti della residenza che, nelle settimane passate, hanno preso colla, carta, forbici e tanta fantasia per creare – aiutati dalle educatrici – diversi oggetti a tema per festeggiare nel modo migliore il Santo Natale. Tra questi: addobbi realizzati con i cristalli di sale, palline e fiori costruiti con la carta e con materiale di recupero, cornici ricavate dalle pigne.

Per quanto riguarda gli appuntamenti, il 23 dicembre in residenza c’è stata l’esibizione della corale Bilacus, mentre nel giorno di Natale appuntamento con i famigliari degli ospiti per il pranzo e il brindisi natalizio. Per l’occasione i tavoli sono stati addobbati con segnaposti e centro-tavola realizzati dai nonni. Il 26 dicembre spazio al divertimento con la tombola.



GLI UTENTI DELLA CRAP OASI A VICO DEL GARGANO PRESENTI AL VILLAGGIO DI BABBO NATALE CON I LAVORETTI FATTI A MANO

Bigliettini di auguri e piccoli manufatti con i materiali di scarto come plastica, carta e stoffa sono gli oggettini realizzati dagli utenti della Comunità riabilitativa assistenziale psichiatrica (Crap) di Vico del Gargano in provincia di Foggia per il laboratorio di arte-terapia.

Come ogni anno, gli ospiti si sono divertiti a scegliere, insieme agli operatori, i materiali e la tecnica da utilizzare. Sono stati entusiasti di lavorare in gruppo per raggiungere un obiettivo comune. “I benefici generali di questo intervento riabilitativo- spiega l’educatrice Armida- sono il senso di rilassamento e l’aumento dell’autostima, grazie al feedback positivo dovuto al piacere di creare, il sostegno alla partecipazione sociale e lo scioglimento delle ansie e delle preoccupazioni grazie all’immediato senso di soddisfazione personale”.

Inoltre gli utenti, nel mese di dicembre, hanno partecipato al tradizionale mercatino ‘Villaggio di Babbo Natale’ all’interno della villa Comunale del paese per facilitare l’integrazione nel tessuto sociale di appartenenza. È stato allestito un banchetto di artigianato amatoriale con tutti gli oggettini realizzati durante il laboratorio. “In occasione della festa di Natale che abbiamo organizzato in struttura insieme a parenti, amici e associazioni, abbiamo consegnato dei piccoli pensierini ai nostri ragazzi- conclude Armida- Ci siamo emozionate nel vedere le loro reazioni di gioia e stupore. I loro sorrisi sono stati il grazie più bello che potessimo ricevere”.

02 gennaio 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram