AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE politica

M5S, Cirino Pomicino: “Grillo folgorato sulla via di Damasco, ‘evviva Raggi'”

grillo


ROMA – Nell’inversione di rotta sull’avviso di garanzia, Beppe Grillo trova un alleato inatteso: Paolo Cirino Pomicino, plenipotenziario di Giulio Andreotti ai tempi del Caf, anni in cui si guadagno’ l’appellativo di ‘o ministro’.

Pomicino e’ da sempre un fautore della linea garantista in politica, tanto da proporre a piu’ riprese la segretazione delle indagini in corso e in ultima analisi la rinuncia allo strumento dell’avviso di garanzia. Grillo non arriva a tanto, ma nel codice di comportamento dei Cinque Stelle, pubblicato oggi, l’avviso di garanzia non e’ piu’ motivo sufficiente per essere espulso dal movimento o per recedere dalle cariche ricoperte.

Benvenuto Grillo. Stiamo tornando al riordino istituzionale, in un quadro normativo e valoriale europeo”, commenta Paolo Cirino Pomicino, interpellato dalla Dire. “Vedo tre elementi: il ritorno al proporzionale, il ritorno dell’intervento dello stato nell’economia, e ora il garantismo. Bene cosi’. Peccato- aggiunge Paolo Cirino Pomicino- che ci si arrivi solo ora. Abbiamo perduto 20 anni, ma si sta finalmente realizzando quello che io vado dicendo da 20 anni a questa parte”.

Da democristiano di lungo corso, Cirino Pomicino non si sorprende per la posizione assunta da Grillo. “Io sono un cattolico. E coltivo la virtu’ cristiana della speranza. Ho sempre sperato che Grillo, come tutti i folli, prima o poi si ravvedesse. E’ accaduto, e’ un bene per il paese”.

Ma non vede nella svolta grillina il tentativo di salvare il sindaco di Roma Virginia Raggi? “Embe’? Le vie della provvidenza possono essere molte. Se il ripristino dell’ordine costituito europeo salva Raggi, evviva Raggi. Se questo e’ lo strumento per riportare Grillo sulla via di Damasco, ben venga”.

di Alfonso Raimo

02 gennaio 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram