Friuli Venezia Giulia

Udine, al via il nuovo programma di odontoiatria sociale pubblica

mediciUDINE – “Possiamo dire ai cittadini che la riforma della sanita’ ci ha permesso di trovare risorse per aggiungere servizi a quelli che gia’ c’erano e il programma di odontoiatria sociale in prospettiva sara’ uno dei piu’ importanti che la Regione mettera’ a disposizione”. Lo ha dichiarato la presidente del Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, presentando il nuovo sistema di odontoiatria sociale, che standardizza ed estende lo spettro dei servizi offerti dal sistema sanitario regionale e garantira’, in particolare a bambini e anziani, prestazioni dentistiche di alta qualita’ da parte del sistema sanitario pubblico.

“Abbiamo riorganizzato un sistema che non aveva regole e quindi non dava adeguate risposte ai cittadini – ha detto ancora Serracchiani -. Gli interventi, che verranno parametrati ai livello di reddito Isee, che ci permettono di dire ad esempio che per i ragazzi da 0 a 14 anni gli interventi per gli apparecchi ai denti sono fatti ad un livello per il quale in altre regioni non avrebbero assistenza dalla sanita’ pubblica, o almeno non a questo livello. Dall’altra parte per over 65, sempre parametrati al reddito, ci siamo occupati delle protesi definitive”.

Un’azione che potenzia anche il pronto soccorso odontoiatrico, definito da Serracchiani “estremamente importante perche’ permette di curare immediatamente il problema, evitando le file del pronto soccorso”. La maggior parte dei servizi partiranno dal 19 dicembre e le agende per gli appuntamenti si apriranno dal 12 dello stesso mese, proprio perche’ “l’obiettivo e’ cercare di andare a recuperare quelle persone che per una serie di motivi legati a situazioni fisiche o reddituali in questo momento non si curano – ha spiegato la presidente – e purtroppo l’odontoiatria e’ una della prime cure della quali si fa a meno“.

di Mattia Assandri, giornalista

1 dicembre 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»