Derby, Alfano: "Può essere un banco di prova per le barriere all'Olimpico" - DIRE.it

Lazio

Derby, Alfano: “Può essere un banco di prova per le barriere all’Olimpico”

divisione curve stadio Olimpico. foto di Paolo Pizzi

ROMA – “Questo derby un banco di prova per arrivare a togliere le barriere all’Olimpico? Potrebbe essere un segnale per la Prefettura e per tutti gli organismi tecnici che devono valutare”. Lo dice il ministro dell’Interno, Angelino Alfano, a tre giorni del derby tra Lazio e Roma che si giocherà in uno stadio Olimpico semivuoto a causa della protesta delle tifoserie contro le barriere nelle curve.

Proprio sulla questione delle divisioni, il ministro spiega a margine di una conferenza al Coni: “Il prefetto farà tutte le valutazioni tecniche. Certo è che noi dobbiamo salvaguardare la vita e la salute delle persone. Sulla sicurezza non si transige, non ci può essere alcun tipo di transazione. Su questo tema bisogna essere leali reciprocamente e sapere che se non ci sono le condizioni di sicurezza piene non si può modificare nulla”.

Quindi Alfano sottolinea che “sarò io il primo e il più felice a dire ‘evviva togliamo le barriere’ quando tutte le valutazioni tecniche mi diranno che si potrà fare senza correre rischi“. Infatti, parlando di un’ipotetica rimozione delle barriere in curva, il numero uno del Viminale chiarisce: “Facciamo conto che domani le togliamo e il giorno dopo succede un incidente: che si fa, ricominciamo da capo? No, prima sinceriamoci tutti che si è capita l’aria che tira e che non c’è più rischio. Ci vuole una grande collaborazione da parte di tutte le tifoserie”.

Infine Alfano sottolinea che i risultati ottenuti nella prima parte della stagione, per quanto riguarda la diminuzione degli incidenti, “sono buoni e speriamo che vadano sempre meglio. Il nostro obiettivo è far sì che sempre più persone vadano allo stadio ma in condizioni di totale sicurezza“.

1 dicembre 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»