Mondo

Cop21, Galletti: “A Parigi è assolutamente necessario un accordo vincolante”

climaPer noi e’ assolutamente necessario un accordo vincolante, d’altra parte noi arriviamo a Parigi avendo sottoscritto gia’ un accordo vincolante all’interno dell’Europa. Anche se l’accordo a livello globale non fosse vincolante, comunque l’accordo che noi abbiamo sottoscritto con i 28 Paesi europei per noi rimarrebbe vincolante”. Cosi’ il ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, a SkyTg24, oggi dalla conferenza sul clima di Parigi.

Ricordando i tre punti di discussione portati alla Cop21, cioe’ la necessita’ di programmi piu’ ambiziosi per raggiungere l’obiettivo minimo del contenimento entro i due gradi del surriscaldamento globale, l’importanza di una governance che monitori la realizzazione degli impegni presi da ciascun Paese e l’importanza che l’accordo sia vincolante, Galletti sottolinea che “i temi che discutiamo a Parigi non sono temi che riguardano gli altri, sappiamo bene che questi sono temi che riguardano gia’ noi. Il problema che affrontiamo a Parigi e’ gia’ un problema italiano, vorrei che questo si capisse bene anche al nostro interno, non stiamo parlando solo di eventi globali“.

Lo sguardo del ministro e’ rivolto anche alla dimensione economica del problema. “Io credo che sia una grande opportunita’, serve che le aziende sappiano intercettare il mercato, sappiano intercettare le tendenze del mercato- conclude Galletti- Allora e’ chiaro il segnale che esce da Parigi: che oggi sara’ vincente quell’economia che sapra’ meglio interpretare la sfida ambientale”.

1 dicembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»