A Roma davanti alla Prefettura il presidio di protesta dei lavoratori dell'Israelitico - FOTO - DIRE.it

Sanità

A Roma davanti alla Prefettura il presidio di protesta dei lavoratori dell’Israelitico – FOTO

ROMA – E’ in corso, davanti la Prefettura di Roma, il presidio di protesta dei lavoratori dell’ospedale Israelitico contro la sospensione dell’attivita’ della struttura disposta dalla Regione Lazio. La manifestazione e’ promossa da Fp Cgil Fp, Cisl Fp e Uil Fpl. I lavoratori hanno esposto alcuni striscioni tra cui ‘L’Israelitico non deve chiudere. 800 lavoratori a rischio’ e ‘Gli interessi di pochi sulla pelle di molti’.

E’ terminato l’incontro tra i sindacati e il prefetto di Roma, Franco Gabrielli, sull’ospedale Israelitico. Secondo quanto si apprende, Gabrielli avrebbe assicurato ai lavoratori la riapertura del nosocomio, investito da problemi giudiziari tra cartelle cliniche falsificate e sette persone raggiunte da ordinanze di custodia ai domiciliari (tra cui l’ex dg Antonio Mastrapasqua).

Gabrielli ha ricevuto una delegazione dei lavoratori in presidio, assicurando loro la riapertura dell’ospedale e la nuova nomina di un commissario, contenuta nel decreto prefettizio già completato e che sarà reso noto al massimo domani.

A breve dovrebbe dunque essere ufficializzato il nome della persona che insieme ad Alfonso Celotto, commissario nominato dalla Comunità ebraica, dovrà salvare la struttura lavorando alla riattivazione della convenzione con la Regione Lazio.

1 dicembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»