Mondo

Africa, giornalisti uccisi e senza giustizia

egitto_manifestazione_giornalisti

ROMA  – Tempi duri per i giornalisti in Africa. Non solo è sempre più rischioso fare informazione, ma non c’è giustizia per chi viene ucciso in servizio. A denunciarlo è il Committee to Protect Journalists (Cpj) che nei giorni scorsi ha reso pubblico il Global Impunity Index.

I dati del Global Impunity Index riguardano 13 Paesi che rappresentano l’80% degli omicidi irrisolti in tutto il mondo dal 2006 al 2016. Solo il 3% del totale dei casi di uccisioni di giornalisti nel decennio ha avuto piena giustizia. Secondo l’indice, il 25% dei sospettati sono governativi o militari funzionari e il 40% è costituito da gruppi politici, tra cui i gruppi estremisti quali Stato islamico. L’indice calcola il numero di omicidi di giornalisti irrisolti come percentuale della popolazione di ciascun paese. Solo le nazioni con cinque o più casi irrisolti sono state incluse.

Dal 2006, in Africa, 34 casi di omicidio di giornalisti sono rimasti irrisolti: 24 in Somalia, cinque in Sud Sudan e cinque in Nigeria. In Somalia, il Comitato punta il dito contro l’utilizzo dei tribunali militari.

I giudici militari non sarebbero sempre in grado di fare giustizia anche perché, spesso, i giornalisti vengono eliminati proprio da militari o da sicari loro collegati. Ciò eliminerebbe ogni possibilità di processo giusto. In Sud Sudan, a gennaio 2015 sono stati uccisi cinque giornalisti con armi da fuoco e a colpi di machete. I loro corpi sono poi stati bruciati. La loro colpa principale era quella di trovarsi in un convoglio organizzato da politici. Per loro non c’è stata alcuna giustizia. Anche lo Stato nigeriano, che pure è una grande democrazia, è stato negligente nell’individuare e perseguire i colpevoli, responsabili per l’omicidio di cinque giornalisti negli ultimi 10 anni. Secondo la ricerca, le lacune nelle indagini sarebbero legate, come in Somalia, al coinvolgimento delle forze di sicurezza negli omicidi.

1 novembre 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»