Auto d'epoca o smart. E naturalmente le gare: a Bologna torna il Motor show - DIRE.it

Emilia Romagna

Auto d’epoca o smart. E naturalmente le gare: a Bologna torna il Motor show

motorshow_bologna_2016

BOLOGNA – “Sarà un Motor Show per chi ama il rombo dei motori, per gli appassionati delle belle auto del passato, per chi vuole conoscere le soluzioni tecnologiche, i sistemi di connettività all’avanguardia e le auto intelligenti, super accessoriate e proiettate verso il futuro”. Parola di BolognaFiere, all’esordio nella gestione della kermesse dei motori svelata oggi a nella prestigiosa sede dell’Hotel Gallia a Milano, dal presidente del quartiere espositivo Franco Boni, dal direttore del Motor Show Rino Drogo, dal direttore generale di Aci Sport Marco Rogano; con loro il coordinatore per l’advisory board della manifestazione Eugenio Razelli e il presidente di Econometrica Gian Primo Quagliano.

motor show_bologna_2016

Dopo l’edizione annullata nel 2015, l’appuntamento con la passione per l’auto è dal 3 all’11 dicembre prossimo a Bologna: sarà l’edizione numero 40 del Motor Show. Un evento rinnovato, per la prima volta organizzato da BolognaFiere, che non riproduce le dinamiche dei saloni internazionali, ma si propone come un mix di show e divertimento, un luogo ideale dove vivere la passione dell’auto a 360 gradi. BolognaFiere crede in questo ambizioso progetto biennale di rinnovamento e “forte dei suoi quarant’anni di storia- si legge nella presentazione- è pronta a consegnare alle nuove generazioni un Motor Show sempre più ricco di eventi, più internazionale, più connesso”. La formula della manifestazione si evolve, espandendo i punti di forza che hanno reso questo appuntamento imperdibile per generazioni di appassionati. “Gli stand– si legge nel comunicato ufficiale- diventano showroom“, dove il visitatore “può davvero entrare in contatto con le vetture” e con “le emozioni che queste sono in grado di offrire”. Un modo inedito “per vivere l’amore per i motori”, amore “inciso a fuoco nel dan del nostro paese”.

bologna_motor show_16L’edizione 2016 sarà proiettata dunque nel futuro, questo grazie ad una ‘struttura digitale’: il visitatore infatti avrà la possibilità di “pianificare sul web il test drive di una specifica vettura” grazie all’app dedicata, cogliendo così l’occasione di “una vera esperienza di guida da vivere durante la manifestazione”. Tasso di adrenalina poi assicurato nell’area racing, che è “pronta ad infiammare i cuori degli appassionati” con un calendario ricco di eventi, spettacoli, gare, live show, e dove tra le novità ci sarà il ritorno “di un’emozionante edizione del leggendario Memorial Bettega“. A conti fatti quella targata 2016 promette di essere “un’edizione ricca di sorprese” che “racconterà il passato, il presente e il futuro dell’auto” e che invita il pubblico a viverla, “per tornare ad emozionarsi”.

bologna_motor show_2016Un Motor Show che è soprattutto “passione per il mondo dell’auto”, dove si registra anche l’attesa di club automobilistici storici italiani ed esteri, e poi “le collezioni private, i musei, e molte altre testimonianze di una delle più affascinanti invenzioni dei tempi moderni”, l’automobile. Per la prima volta la manifestazione motoristica più importante d’Italia si mostrerà attenta anche al fattore dell’ecosostenibilità, dedicando spazio anche “ai componenti alti di gamma, ai sistemi e ai servizi di connettività” che garantiscono “la sicurezza e il rispetto per l’ambiente”. Insomma, al Motor Show 2016 sono previsti appuntamenti dedicati al futuro del settore automotive con un respiro ampio, con tavoli di approfondimento dedicati, e si preannuncia un’importante attività convegnistica sulla “cultura dell’automobile” per la creazione di una rete che coinvolga sì il pubblico, ma anche l’intera filiera produttiva.

di Nicola Mente, giornalista

1 luglio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»