Politica

Referendum, Confindustria: se vince il ‘no’ è recessione

ROMA – “Se l’Italia dice NO alla riforma costituzionale previsioni in calo e ripresa a rischio”. Cosi’ sull’account twitter su alcuni dati diffusi oggi dal centro studi di Confindustria.

Secondo il Csc, infatti, rispetto alle previsioni si avrebbe il Paese in recessione a partire dal 2017, con, nell’arco di 3 anni, un -4% di pil, -17% investimenti, -600 mila posti di lavoro e +430 mila poveri.

1 luglio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»