In Emilia-Romagna torna "Al mare in treno', il biglietto è gratis - DIRE.it

Emilia Romagna

In Emilia-Romagna torna “Al mare in treno’, il biglietto è gratis

BOLOGNA – Chi va in treno in vacanza e alloggerà in un albergo della Riviera romagnola viaggerà gratis. Se soggiornerà una settimana si vedrà rimborsare il biglietto di andata, se invece deciderà di restare due settimane avrà indietro anche quello del ritorno. Si chiama “Al mare in treno” l’iniziativa che nasce dall’accordo tra Trenitalia Apt Servizi Emilia-Romagna, Emilia-Romagna Welcome e Tper, in collaborazione con le associazioni degli albergatori della Riviera romagnola (www.almareintreno.it) e che nasce, non a caso, nell’anno ufficiale del Turismo sostenibile. La campagna “Al mare in treno”, è partita a maggio e coinvolge i turisti che viaggeranno in treno verso la Riviera romagnola e soggiorneranno almeno una settimana negli alberghi convenzionati (Ravenna, Cervia-Milano Marittima, Cesenatico, Gatteo Mare, San Mauro Mare, Bellaria-Igea Marina, Rimini, Riccione, Misano Adriatico, Cattolica).

Per chi soggiorna una settimana in una delle strutture convenzionate è previsto un massimo di 40 euro a persona per gli alberghi di tre o quattro stelle (80 euro per le due settimane). Il rimborso sarà invece di di 25 euro per gli alberghi con una o due stelle (ma sale a 50 euro per le due settimane). Per spostarsi in loco, gli ospiti potranno approfittare delle bici che gli hotel forniscono ai clienti o del servizio noleggio bici messo a disposizione da quasi la totalità delle località balneari. “Una proposta all’insegna del turismo slow e della convenienza- commenta Liviana Zanetti, presidente di Apt Servizi Emilia-Romagna- che ancora una volta è il frutto del gioco di squadra tra promozione turistica regionale, associazioni e operatori t. Le località della Riviera Romagnola sono sempre più a misura d’uomo ed è piacevole scoprirne i centri storici, i parchi e i lungomare a piedi o in sella a una bicicletta”.

1 giugno 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»