San Marino

Un convegno e una mostra per ricordare visita Benedetto XVI del 2011

Papa_Benedetto_XVI_Ratzinger

SAN MARINO – Il 19 giugno del 2011 Papa Benedetto XVI celebrò una messa solenne allo Stadio di Serravalle, davanti a 20 mila fedeli. Per celebrare l’anniversario della visita pastorale del Papa emerito, la Diocesi di San Marino-Montefeltro organizza un incontro pubblico e una mostra itinerante. “Quale eredità a cinque anni dalla storica visita di Benedetto XVI alla Diocesi di San Marino-Montefeltro?“, è infatti il titolo del convegno, in programma questo venerdì, alle ore 21, nella Sala Montelupo di Domagnano. Introdurrà l’evento il vescovo della Diocesi di San Marino-Montefeltro Andrea Turazzi, mentre interverranno Luigi Negri, arcivescovo di Ferrara-Comacchio e Abate di Pomposa, predecessore di Turazzi quando Padre Benedetto XVI fece la visita; Elio Ciccioni, vicario generale della Diocesi di San Marino-Montefeltro; Maria Luisa Berti e Filippo Tamagnini, ex Capitani Reggenti in carica durante la visita.

È poi in allestimento una mostra itinerante dal titolo “Una fede viva di un popolo genera cultura, carità e missione“, con immagini e brani tratti dagli interventi fatti da Benedetto XVI a San Marino e Pennabilli il 19 giugno 2011, realizzata con il Patrocinio del Congresso di Stato della Repubblica di San Marino. La mostra sarà esposta a Dogana, nella Cappella di Villa Manzoni, dal 4 al 10 giugno, a Città, alla Basilica, dall’11 al 17 giugno. Successivamente si trasferirà in Italia, a Pennabili e a Macerata Feltria. È infine prevista anche una messa in ricordo della visita di Papa Benedetto XVI, il 19 giugno, alle ore 16.30, nella Cattedrale di Pennabilli. “Si vuole far memoria di questo avvenimento storico- riferisce la Diocesi- che ha lasciato un segno indelebile nella vita di ciascuno e in tutto il popolo col desiderio di trasmettere l’importante patrimonio spirituale donatoci anche alle nuove generazioni”.

1 giugno 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»