San Marino

Iss, medici Asmo uniti contro Caruso: “Forte disagio per sue parole”

medici

SAN MARINO – Un’ottantina di medici dell’Ospedale di Stato si schierano dalla parte del direttore di Ginecologia e Ostetricia, Miriam Farinelli, e stigmatizzano “l’attacco” rivolto dal direttore generale dell’Iss, Bianca Caruso. L’Asmo, Associazione sammarinese medici ospedalieri, a seguito delle dichiarazioni del direttore Caruso sulla necessità di considerare la sicurezza del punto nascite di San Marino, rilasciate diverse settimane fa, esprimono solidarietà alla collega, nonché presidente stessa dell’associazione. Di fatto Caruso, a seguito di tre eventi clinici, due decessi post partum e la nascita di un bambino con gravi problemi di salute, avvenuti da metà marzo ai primi di giugno, aveva parlato di “numeri un po’ allarmanti” e assicurato le necessarie verifiche ed interventi correttivi.

I camici bianchi non hanno preso bene le sue parole, di fronte le quali ribadiscono invece “l’impegno dimostrato quotidianamente sia dalla stessa Farinelli che dai suoi collaboratori- riferisce l’associazione in una nota- non solo per il raggiungimento della sicurezza del punto nascita del nostro ospedale, ma anche per aver mantenuto vitale e funzionale la Uoc di ginecologia ostetricia, attualmente in forte carenza di organico, considerate le ben note difficoltà di reperimento di personale medico specialista”. Non solo: “I medici aderenti ad Asmo– prosegue la nota- intendono esprimere compatti tutto lo stupore per quanto scritto nell’articolo apparso su Tribuna il 10 maggio scorso e il profondo disagio di tutti i professionisti medici Iss che ogni giorno prestano il loro servizio presso l’Ospedale di Stato“. Infine, “esprimendo forte preoccupazione per l’accaduto- conclude Asmo- tutti i medici ospedalieri rinnovano con fermezza la loro professionalità, la loro unione e la compattezza maggiormente consolidata nell’ultimo periodo”.

1 giugno 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»