Banche, Reggenti: “Possiamo essere partner di fiducia per istituti Ue”

reggenti_san marino2SAN MARINO – È “necessario e ineludibile” tradurre ora il “nuovo impianto normativo e la rigenerata etica politica in opportunità di crescita sana”: i neo Capitani Reggenti Gian Nicola Berti e Massimo Andrea Ugolini, nel loro discorso di insediamento, da Palazzo Pubblico, indicano quali saranno gli sforzi della più alta carica dello Stato nel prossimo semestre e sollecitano a riguardo politica e istituzioni. In particolare, affrontano anche il tema delle sfide dell’economia e della finanza sammarinese, per la cui affermazione e credibilità internazionale “sono determinanti- sostengono- i sensibili passi compiuti in direzione della trasparenza e di un impegno indirizzato a far sì che il sistema bancario e finanziario sammarinese possa giocare allo stesso livello degli omologhi europei, assumendo sempre più il ruolo di partner di fiducia e offrendo, al contempo, nuovi margini di operatività“.

Ad ascoltare l’intervento dei Capi di Stato, a Palazzo Pubblico, è anche Antonio Patuelli, presidente di Abi, designato Oratore ufficiale della cerimonia di insediamento che nel suo discorso ha riconosciuto come superate le difficoltà nelle relazioni tra Italia e San Marino e definito la nascita dell’Unione bancaria europea quale “sfida decisiva per l’avvenire delle economie”.

1 aprile 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»