Marche

Sicurezza, per 3 su 4 è un problema. Allarme furti e clandestini – ESCLUSIVA

sondaggio_sicurezza_marche

ANCONA – Per tre marchigiani su quattro la sicurezza è un problema rilevante (75%). Lo rivela un sondaggio condotto dalla società di ricerche sociali e indagini di mercato Sigma Consulting- affidato in esclusiva allaDire‘- su un campione di 1.000 casi (250 per le province di Pesaro-Urbino, Ancona, Macerata, Ascoli Piceno-Fermo) a cavallo tra il 7 e il 13 febbraio. Secondo la ricerca per il 29% degli intervistati la sicurezza è un problema molto rilevante” mentre per il 46% è “abbastanza rilevante” (IN FONDO IL PDF CON L’INTERO SONDAGGIO).

sondaggio_sicurezza2Le intrusioni in abitazione rappresentano il timore del 74% degli interpellati. Seguono il degrado urbano come terreno fertile dove la criminalità può crescere (29%), le aggressioni personali per strada (21%), le truffe (19%) e gli scippi (9%). Tra le azioni da mettere in campo per aumentare la sicurezza, il 71% del campione ha sollecitato una maggiore vigilanza delle Forze dell’Ordine, mentre il 42% ha richiesto una maggiore videosorveglianza.

sondaggio_sicurezza3Da un punto di vista territoriale, i residenti della provincia di Ancona sono quelli che manifestano la maggiore preoccupazione, mentre quelli di Pesaro Urbino la minore. Tra coloro che ritengono la sicurezza un problema, le principali cause sono: la presenza di extracomunitari e clandestini per il 56%, la mancanza di lavoro per il 47%, i pochi controlli delle Forze dell’Ordine per il 37% e la durata ridotta delle condanne per reati per il 30%. In tal senso il 42% degli intervistati valuta la presenza degli immigrati nella propria città troppo elevata”. Il 33% la ritiene “elevata ma ancora sostenibile”. Solo il 13% la ritiene “giusta”, il 4% “bassa” e il 4% “numericamente insignificante”.

di Luca Fabbri, giornalista

Leggi il sondaggio per intero

1 aprile 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»