Ecotassa, il sottosegretario Gava (Lega): “Punitiva e inefficace”, il ministero dell’Ambiente: “Posizione personale”

Scontro tra Lega e ministero dell'Ambiente sull'ecotassa
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Oggi dovrebbe partire l’ecotassa una misura sulla quale politicamente continuiamo ad avere fortissimi dubbi, perché la riteniamo punitiva ed ambientalmente non efficace”. Lo dice Vannia Gava, sottosegretario (Lega) all’Ambiente.

“Pensiamo che l’unica strada efficace ed intelligente verso la decarbonizzazione sia favorire la sostituzione delle vecchie auto, incentivando la rottamazione dei veicoli fino ad euro3”.

Ciò detto, “il dossier non è chiuso: dobbiamo continuare a lavorare con l’obiettivo di aiutare i cittadini a rinnovare il parco mezzi e nel frattempo realizzare nuove infrastrutture per rendere più organica l’azione di abbattimento delle emissioni”, conclude il sottosegretario.

Ministero ambiente: “Su ecotassa da Gava posizione personale”

“Quella della Gava è una posizione personale legittima ma che ovviamente non rispecchia la volontà del governo, che si è già espresso sul tema nella sede opportuna ovvero in Parlamento, dove ha dato parere favorevole a quella norma”.

Questo quanto fanno sapere dal ministero dell’Ambiente a proposito della posizione del sottosegretario all’Ambiente in quota Lega, Vannia Gava, circa l’ecotassa per l’acquisto dei veicoli più inquinanti in vigore da oggi.
Gava in una nota dice di avere “fortissimi dubbi” su una norma che ritiene “punitiva ed ambientalmente non efficace”. Specificando che “il dossier non e’ chiuso” la sottosegretario leghista all’Ambiente spiega come “l’unica strada efficace ed intelligente” per la decarbonizzazione sia a suo avviso “la rottamazione dei veicoli fino ad euro3”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

1 Marzo 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»