Via i centurioni dal centro storico di Roma

È quanto prevede l'articolo 15 del regolamento di Polizia Urbana di Roma Capitale e riguarda anche le guide turistiche abusive
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Via i centurioni dai siti di interesse storico e archeologico di Roma Capitale e caccia alle guide turistiche abusive. E’ quanto prevede l’articolo 15 del regolamento di Polizia Urbana di Roma Capitale, concernente ‘L’esercizio di mestieri, lavori e professioni in aree e spazi pubblici’. Secondo il documento – che dopo quello delle commissioni deve passare il vaglio dell’Aula – nel territorio di Roma Capitale è vietato esercitare mestieri, arti o qualsiasi altra attività di vendita di beni e/o servizi non autorizzata con titolo abilitativo o che impedisca o intralci la circolazione di mezzi e persone e/o la libera fruibilità del patrimonio artistico, storico e monumentale.

Nell’ambito territoriale del sito Unesco, lungo il perimetro e all’interno di Villa Borghese, nonché nei pressi dei siti di interesse storico, artistico e monumentale, è vietato esercitare qualsiasi attività che, dietro offerta o corrispettivo in denaro, anche pattuito al momento, configuri la mercificazione della propria o altrui persona, come soggetto fotografico anche con abbigliamento storico o costumi in genere, fatto salvo quanto previsto da norme e regolamenti vigenti in materia di esercizio dell’arte di strada.

Inoltre, ai fini della tutela del patrimonio artistico, storico e monumentale della città, in luogo pubblico o aperto al pubblico è vietata l’attività di intermediazione e promozione di tour turistici, la vendita di biglietti per musei, teatri ed eventi culturali e turistici, la promozione di attività commerciali, di esercizi per la somministrazione di alimenti e bevande, nonché di ogni altra attività di impresa che non sia espressamente autorizzata e risultante dal titolo abilitativo.

Ai fini di tutelare la salute pubblica dei cittadini e dei turisti, contrastare i fenomeni di illegalità, nonché scongiurare il pericolo sanitario dovuto alla non corretta conservazione delle merci, nei luoghi pubblici e aperti al pubblico di Roma Capitale è vietata l’offerta in vendita e la vendita di cibi e/o bevande da parte di soggetti non autorizzati, così come previsto dalla normativa vigente in materia.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

1 Febbraio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»