Carige, Di Maio: “Commistioni con la politica, ecco i nomi”

"È l'ennesimo caso di gestione scellerata non solo per incompetenza dei manager ma anche per la commistione con la politica", dice il vicepremier
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Se useremo soldi pubblici per salvare Banca Carige la banca sarà dei cittadini”. E’ quanto dice il ministro Luigi Di Maio rispondendo a interpellanze alla Camera. 

“Carige- sottolinea- è l’ennesimo caso di gestione scellerata non solo per incompetenza dei manager ma anche per la commistione con la politica”. Di Maio assicura che il governo è al lavoro perchè “paghi il conto chi è responsabile e non chi è vittima”.

Luigi Di Maio, intervenendo alla Camera, attacca la “vecchia politica” che andava “a braccetto con le banche e Carige non fa eccezione”. 

Di Maio quindi fa i “nomi e cognomi” di chi “c’è dietro la cortina di fumo dei nomi” e cita: “Alessandro Scajola, fratello dell’ex ministro, Luca Bonsignore, figlio di un ex eurodeputato del Pdl, Giovanni Marongiu, sottosegretario di un governo di Prodi, Alberto Repetto, parlamentare dell’Ulivo. “Si spazia da destra e sinistra”, attacca il vice premier.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

1 Febbraio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»