Sanremo, Baglioni alla conduzione divide il web: per molti è troppo conservatore

ROMA –  Claudio Baglioni, alla guida del festival di Sanremo 2018, divide il web. Mentre i fan storici (43%) aspettano con ansia questa edizione del festival della musica italiana, il 42% lo ritiene troppo conservatore nelle scelte artistiche. Il 57% dei commenti sul festival nei social è proprio su di lui, mentre Michelle Hunziker ne catalizza il 35%, quasi tutti negativi. Favino promosso, ma poco commentato.
A farlo sapere è Reputation Manager, l’istituto italiano nell’analisi e misurazione della reputazione online dei brand e delle figure di rilievo pubblico, che a pochi giorni dall’inizio del festival rende noti i risultati di un’analisi condotta negli ultimi tre mesi per capire cosa si aspetta il pubblico social del festival, soprattutto dai conduttori. 

I commenti a favore

Sono 31.131 i commenti pubblicati in questi tre mesi sui canali social ufficiali del festival e su quelli dei tre conduttori. “La musica al centro. L’onestà, l’attenzione e l’umiltà che metti in ogni tuo progetto sono già garanzia di uno spettacolo che sarà davvero all’insegna della passione e della professionalità- scrive chi lo ama-. Classe e pacatezza ti vedranno conducente vincitore su quel palco. Un abbraccio grande, caro Claudio. Noi saremo con te”.

Le critiche dal web

Chi lo critica, invece, punta il dito contro la scarsa selezione di giovani: “Quest’anno ci sono un sacco di nomi”; “Ma esiste ancora ah ma canta ancora”; “Ma non era morto questo”; “Ci credo metti alla guida uno come Baglioni conservatore delle tradizioni. Non è moderno. Sanremo andrebbe presentato da gente tipo Cattalan la Comello”. Questi alcuni dei commenti più impietosi, a cui si aggiunge la critica illustre della conduttrice della scorsa edizione Maria De Filippi, che ha contestato apertamente la scelta di Baglioni di escludere dal festival i ragazzi dei talent.

Hunziker la più criticata

Braccio destro di Baglioni nella conduzione di Sanremo 2018, Michelle Hunziker ha raccolto sul web, almeno finora, solo critiche: il cachet di 400mila euro pattuito per le cinque serate del Festival, nonostante sia una cifra che non arriva neanche alla metà di quella che aveva ricevuto alla sua prima esperienza sanremese con Pippo Baudo, le è costato in termini reputazionali il 61% di commenti negativi. Su Twitter si ironizza: “Finalmente ho capito perché Michelle Hunziker ride sempre: prenderà 400mila euro per condurre Sanremo. Ora è tutto chiaro”; “La prima brutta notizia del 2018 la Hunziker a Sanremo e la pagano pure!”.

Commenti favorevoli per Pierfrancesco Favino

Forse il più outsider dei tre conduttori, Pierfrancesco Favino, introdotto dal festival come il ‘Banderas italiano’, ha ricevuto in questa fase preliminare solo l’8% dei commenti, che sono però positivi nel 38% dei casi. Già prima che venisse confermato il suo nome c’era chi faceva il tifo per lui: “Favino sarebbe un’ottima scelta. Molto simpatico, poliedrico (canta bene!) e colto. Lui sì che è un bravissimo attore”; “Se sarà davvero Favino sono contenta perché è un bravo attore, anche se non lo conosco mi dà l’impressione che sia una bella persona”.

1 Feb 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»